cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 09:53
Temi caldi

chiusura Milano

alternate text

Venerdì nero per Piazza Affari, tonfo delle banche

Chiusura di settimana da incubo per il listino di Piazza Affari, spinto al tappeto da un doppio colpo da ko: prima l’esito del meeting della Bce di ieri, in cui è stata chiara la vittoria dei “falchi” a scapito di quei membri del board a favore di misure per calmierare l’allargamento degli spread sovrani, e poi dalle indicazioni arrivate dall’inflazione Usa.

alternate text

Piazza Affari torna sopra 24 mila, bene le banche

Chiusura nei pressi dei massimi intraday per Piazza Affari, spinta dal comparto energetico e dai titoli bancari. Tra i primi segnaliamo il +3,75% di Eni ed il +1,82% di Tenaris (Saipem ha invece terminato con un -3,15%) mentre tra gli istituti di credito spicca il +2,8% di Bper Banca ed il +1,94% di Banco Bpm (su entrambi i titoli gli analisti di Jefferies hanno incrementato il prezzo obiettivo).

alternate text

Piazza Affari ritraccia, spread torna sopra i 200 punti

In deciso rialzo per gran parte della seduta, in corrispondenza della chiusura degli scambi i listini europei hanno praticamente azzerato i guadagni. A sostenere gli acquisti nella prima parte è stata la decisione delle autorità cinesi di ridurre i saggi sui prestiti a 5 anni mentre nel corso del pomeriggio la debolezza di Wall Street ha consigliato, anche in vista del weekend, una maggiore prudenza.

alternate text

Piazza Affari poco mossa, i conti spingono Interpump

Avvio di settimana in sostanziale parità per una Piazza Affari che si è trovata a fare i conti con le indicazioni negative in arrivo dalla Cina, dove i numeri macroeconomici certificano l’indebolimento dell’economia dovuto alle restrizioni anti-Covid, e con la revisione al ribasso delle stime di crescita da parte delle autorità europee.

alternate text

Piazza Affari debole, segno meno per le utilities

Partita positiva, l’ultima seduta del trimestre delle borse europee si è chiusa sotto la parità. Gli aggiustamenti di portafoglio in chiusura di Q3 non hanno permesso ai listini azionari di festeggiare l’accordo USA per evitare lo shutdown e quello per il nuovo maxi-piano infrastrutturale. A zavorrare il paniere delle blue chip milanese, il Ftse Mib ha chiuso la seduta con un -0,21% a 25.683,81 punti, sono state le performance di Telecom Italia (-1,85%), Enel (-2,09%), Terna (-1,29%) ed Hera (-0,...

alternate text

Piazza Affari in rosso, Moncler e FinecoBank in controtendenza

Dopo un avvio di settimana positivo, Piazza Affari, evidentemente già in clima Bce, ha terminato la seduta con il segno meno. Nel meeting in calendario giovedì, la Banca Centrale Europea potrebbe decidere di ridurre gli acquisti di emergenza enfatizzando la flessibilità del piano, che nei prossimi mesi potrebbe tornare a crescere.

alternate text

Piazza Affari chiude positiva dopo Powell

L’attesa è finalmente finita: Jerome Powell ha parlato a Jackson Hole. E, stando a quella che è stata la chiusura di settimana delle borse europee, il messaggio arrivato dalla cittadina del Wyoming è piaciuto agli operatori (che probabilmente si aspettavano toni maggiormente da “falco”).

alternate text

Ftse Mib poco mosso, spread in aumento

Chiusura in lieve rialzo per la Borsa di Milano che, dopo una prima parte in solido territorio positivo ha ritracciato, come del resto anche gli altri listini europei, parte dei guadagni. L’ottimismo della prima parte è riconducibile all’andamento della stagione delle trimestrali in Europa: secondo i dati Refinitiv Ibes, finora circa 3 aziende su 4 dello Stoxx 600 hanno battuto le stime.

alternate text

Borsa Milano in attesa di notizie da Washington

Chiusura poco mossa per la Borsa di Milano in attesa del responso della due giorni di riunioni della Federal Reserve. Sottotono rispetto all’andamento degli altri listini europei, spinti dall’andamento positivo dei titoli del comparto bancario, il Ftse Mib ha terminato la seduta a 24.459,57 punti, -0,06% rispetto al dato precedente.

alternate text

Piazza Affari chiude debole, spread in aumento

Seduta all’insegna della debolezza sui listini europei, in fervente attesa delle indicazioni che domani sera arriveranno da Washington al termine della due giorni di riunioni della Federal Reserve.

alternate text

Le banche spingono Piazza Affari in territorio positivo

Grazie al buon andamento del comparto bancario, la prima seduta della settimana della Borsa di Milano si è chiusa con il segno più. Sul Ftse Mib, che ha terminato la giornata a 24.513,84 punti (+0,52%), giornata di forti acquisti per Mediobanca (+2,85%), BPER Banca (+3,08%), Intesa Sanpaolo (+2,32%) e UniCredit (+2,2%).

alternate text

Borsa: Milano piatta, Moncler sotto i riflettori

La seduta della Borsa di Milano si è chiusa in parità in attesa del verdetto dell’agenzia S&P sul merito di credito del nostro Paese. Nell’ultimo giorno del collocamento del Btp Futura lo spread tra i decennali italiani e quelli tedeschi ha fatto segnare un incremento del 2,7% a 104 punti base.

alternate text

Piazza Affari chiude piatta, tonfo per Pirelli

La Borsa di Milano ha chiuso l’ultima seduta del mese di marzo e del primo trimestre in parità. Nel giorno in cui il presidente Biden alza il velo sul maxi piano di investimenti in infrastrutture, il rendimento del decennale USA ha consolidato sopra quota 1,7%.

alternate text

Borsa: Milano chiude in positivo, rally di Cnh Industrial

La seduta di Piazza Affari si chiude con il segno più. La Borsa di Milano, come del resto anche le altre del Vecchio continente, oggi ha capitalizzato l’ottimismo sull’andamento della ripresa economica e l’attesa per un’accelerazione delle campagne di vaccinazioni.

alternate text

Borsa Milano recupera e chiude positiva

Partita in rosso, la borsa di Milano ha via via recuperato terreno in scia della ripresa dei prezzi del petrolio (il future con consegna giugno sale del 4,6% a 63,7 dollari al barile) e del ritorno degli acquisti sui titoli del comparto finanziario. Tra i primi segnaliamo il +3,72% di Tenaris, il +2,67% di Eni ed il +3,04% di Saipem (che ha collocato un nuovo prestito obbligazionario a tasso fisso al 2028 per 500 milioni di euro) mentre tra i secondi spicca il +2,6% di Nexi, il +1,79% di Medioban...

alternate text

Borsa Milano inizia la settimana poco mossa

In positivo nella prima parte, Piazza Affari nel corso del pomeriggio si è trovata a fare i conti con un avvio all’insegna della debolezza dei listini a stelle e strisce. Indicazioni positive sono arrivate dalla Cina, dove gli aggiornamenti relativi produzione industriale e vendite al dettaglio hanno evidenziato incrementi del 35,1 e del 33,8 per cento annuo. Nonostante si tratti di numeri da prendere con le pinze, a febbraio 2020 in Cina iniziava il lockdown, i numeri sono risultati migliori del...

alternate text

Ftse Mib in rialzo, spread stabile

La settimana di Piazza Affari inizia con un rialzo. I rally registrati dai titoli del comparto energetico, il Brent nelle ultime cinque sedute è salito di quasi cinque punti percentuali mentre rispetto a un mese fa guadagna il 15%, e da quelli del comparto bancario hanno permesso al Ftse Mib di terminare la prima seduta della settimana a 23.604,31 punti, +0,83% rispetto al dato precedente.

alternate text

Ftse Mib chiude la settimana in rialzo

Le borse europee chiudono in positivo una seduta altalenante. Sopra la parità anche il listino milanese, sempre alle prese con le consultazioni per la formazione del nuovo governo. Alle 19 il premier incaricato Mario Draghi si recherà dal presidente della Repubblica per presentare la lista dei ministri.

alternate text

Borsa Milano debole, Mediobanca svetta dopo i conti

Nuova seduta all’insegna della prudenza per le borse europee, in calo nella seconda parte in scia dell’avvio negativo di Wall Street. A Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha terminato con un -0,15% a 23.264,68 punti, spicca il +3% di Mediobanca dopo la presentazione dei conti. L'istituto di Piazzetta Cuccia, le cui azioni hanno fatto registrare la performance migliore sul listino delle blue chip, ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto di 211 milioni di euro, in aumento rispetto ai 197 mil...

alternate text

Ftse Mib chiude poco sotto i 22mila punti

A dispetto delle tensioni legate alla distribuzione dei vaccini e della crisi di governo, la borsa di Milano ha terminato la seduta in solido territorio positivo. Come da copione, oggi Giuseppe Conte ha presentato le dimissioni da premier e punta al reincarico allargando la maggioranza di governo.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza