cerca CERCA
Mercoledì 04 Agosto 2021
Aggiornato: 18:56
Temi caldi

chiusura

alternate text

Borsa: Piazza Affari in rosso, energetici in rally

Nonostante la delusione per l’andamento del primo duello Trump-Biden, l’avvio in positivo di Wall Street ha migliorato anche l’umore di Piazza Affari permettendogli di chiudere poco lontano dalla parità. A spingere le borse a stelle e strisce sono i rumor su un nuovo piano di stimoli dopo che il segretario al Tesoro statunitense, Steve Mnuchin, si è detto "ottimista" sulla possibilità di raggiungere un accordo.

alternate text

Borsa: Ftse Mib in rosso, bene l’asta di Btp

Mercati europei in rosso in attesa del primo match Trump-Biden. I forti guadagni registrati nella seduta di ieri e l’attesa per il primo scontro tra i due candidati nelle presidenziali statunitensi hanno favorito la cautela sui listini europei. A Milano, in particolare, il Ftse Mib ha terminato la seduta a 19.061,18 punti, -0,52% rispetto al dato precedente, mentre lo spread con i titoli tedeschi ha fatto segnare un -0,9% a 139 punti base.

alternate text

Borsa: Le banche spingono i listini europei

Avvio di settimana in deciso territorio positivo per le borse europee, spinte dall’andamento del comparto bancario. Nel corso dell’attesa audizione davanti al Parlamento europeo, il n.1 della BCE, Christine Lagarde, ha rimarcato che, nonostante “i rischi di peggioramento dell' economia”, l’istituto con sede a Francoforte è pronto “ad aggiustamenti per centrare il target dell'inflazione”.

alternate text

Borsa: Ftse Mib sprofonda sotto 19 mila punti, -8% di CNH

Lo spettro di un nuovo lockdown spaventa le borse europee in avvio di settimana. Prima seduta dell’ottava in profondo rosso per il listino di Piazza Affari che, al pari degli altri listini del Vecchio continente e di quelli statunitensi, ha pagato pegno ai timori innescati dagli aggiornamenti relativi i contagi da Covid-19, che rischiano di far scattare nuovi lockdown.

alternate text

Borsa: Fca spinge Milano in quota 20 mila punti

Le indicazioni macroeconomiche, e l’avvio in positivo dei listini a stelle e strisce, permettono alle borse europee di chiudere la seduta con il segno più. Per quanto riguarda le prime, buone nuove sono arrivate sia dai dati cinesi su produzione industriale (+5,6% annuo) e vendite al dettaglio (+0,5%) e sia dall’aggiornamento relativo la fiducia degli investitori tedeschi, salita ai massimi dal 2000 (77,4 punti).

alternate text

Borsa: Piazza Affari debole, il Nasdaq spinge STMicroelectronics

Nonostante il ritorno degli acquisti sui listini statunitensi, le borse europee hanno chiuso la prima seduta della settimana all’insegna della prudenza. A pesare sono i numeri relativi la pandemia che, nelle ultime 24 ore, ha fatto registrare oltre 300 mila contagi, il dato più alto dall’inizio dell’emergenza sanitaria. A Milano il nostro Ftse Mib ha chiuso la seduta 19.793,80 punti, -0,14% rispetto al dato precedente, mentre lo spread tra i decennali italiani e quelli “made in Germany” si è atte...

alternate text

Borsa: Piazza Affari in rialzo dell'1,79%, Nexi spicca il volo

Prive del faro rappresentato dai listini statunitensi, Wall Street oggi è chiusa per festività (Labour Day), le borse europee hanno iniziato la settimana sopra la parità. Sul Ftse Mib, che oggi ha terminato la seduta con un rialzo dell’1,79% portandosi a 19.738,01 punti, la performance migliore è stata registrata da Nexi (+7,04%), spinta dai rumor di una ripartenza delle trattative in vista di una fusione con Sia.

alternate text

Borsa: Piazza Affari chiude l’ottava sopra la parità, bene Unipol

Le indicazioni macro arrivate dagli Stati Uniti spingono al rialzo le borse europee. Nel mese di luglio, il tasso di disoccupazione della prima economia è passato dall’11,1 al 10,2 per cento, contro il 10,6% stimato dagli operatori, mentre il saldo delle payrolls è risultato positivo per 1,8 milioni di unità, rispetto ai +1,48 milioni stimati dagli analisti.

alternate text

Borsa: Ftse Mib chiude piatto, spread in calo

In un contesto europeo in rosso di quasi un punto percentuale, il listino di Piazza Affari oggi ha fatto segnare la performance migliore nonostante la revisione al ribasso delle stime da parte della Commissione europea. Secondo Bruxelles, quest’anno il Pil di Eurolandia scenderà dell’8,7% mentre la ricchezza prodotta dal nostro Paese farà segnare un -11,2%.

alternate text

Borsa: Piazza Affari chiude debole, trimestre decisamente positivo per il Ftse Mib

Le borse europee chiudono sostanzialmente piatte un secondo trimestre di forti rialzi: l’Euro Stoxx 50 ha segnato un incremento di oltre 15 punti percentuali, il Dax è salito del 23% e Londra ha guadagnato un +8%. Sostanzialmente in linea con l’andamento dell’indice delle blue chip europee, il Ftse Mib tra aprile e giugno è cresciuto del 13,7%.

alternate text

Borsa: i bancari spingono Piazza Affari, Ftse mib +1,69%

Avvio di settimana con il segno più per le borse europee nonostante le indicazioni dal fronte Covid in arrivo dagli Stati Uniti. In particolare, a preoccupare è la ripartenza in alcuni Stati chiave (come California, Texas e Florida) in cui il picco del virus sembrerebbe non esser stato ancora raggiunto. Indicazioni positive per le borse europee sono arrivate dagli indici elaborati dalla Commissione Ue che misurano la fiducia di imprese e consumatori.

alternate text

Borsa: Ftse Mib chiude ai minimi a -3,42%, spread a 172 pb

Già negativi a metà seduta, i listini europei sono stati spinti ai minimi intraday dall’avvio delle contrattazioni a Wall Street. A preoccupare sono le indicazioni in arrivo dal fronte Covid che, in diverse parti degli Stati Uniti come Texas e California, registra una decisa espansione (sia per quanto riguarda i nuovi positivi che dal fronte ospedalizzazioni).

alternate text

Borsa: Ftse Mib in rally, denaro su Telecom Italia ed Enel

I nuovi stimoli varati dalla Federal Reserve, che oltre ai fondi Etf acquisterà anche obbligazioni societarie, ed i rumor sull’approvazione da parte dell’amministrazione Usa di un piano infrastrutturale da mille miliardi di dollari mettono le ali ai listini globali. Indicazioni particolarmente positive sono arrivate anche dall’aggiornamento relativo le vendite al dettaglio statunitensi, salite ad aprile del 17,7%, oltre il doppio rispetto alle stime.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza