cerca CERCA
Sabato 19 Giugno 2021
Aggiornato: 14:31
Temi caldi

estinzione

alternate text

In 30 anni scomparso il 70% degli insetti impollinatori

Un esercito silenzioso quello degli impollinatori tra bombi, farfalle, api selvatiche, vespe, falene, sirfidi, un mondo colorato che sta progressivamente scomparendo.  Negli ultimi 30 anni, denuncia il WWF, abbiamo perso in Europa oltre il 70% della biomassa di insetti volatori,  appartenenti non solo alle specie più rare ma anche alle specie più comuni, da cui dipende il fondamentale servizio ecosistemico dell’impollinazione. E il 40% di api selvatiche, farfalle, sirfidi e coleotteri, rischiano ...

alternate text

Rotocalco n. 15 del 14 aprile 2021

 Enea, dagli scarti del limone integratori per prevenire diabete e obesità. In 30 anni scomparso il 70% degli insetti impollinatori. Bari, Multicedi inaugura tre nuovi punti vendita con il format Superercati Deco'. Farmers4Future 

alternate text

Animali: camoscio appenninico, rischio estinzione in 50 anni, colpa del clima

Il camoscio appenninico rischia l'estinzione nei prossimi 50 anni a causa del riscaldamento globale. Entro il 2070 la sua popolazione potrebbe subire una forte diminuzione a causa dei cambiamenti climatici, stano a quanto denuncia uno studio pluridecennale dell'Università di Siena e dell'Università di Pavia condotto nell'habitat storico della specie, il Parco nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise.

alternate text

Animali: il 13 agosto è il Tartaday, centri recupero aperti al pubblico

Il 13 agosto si celebrerà in tutta Italia il Tartaday 2020. La giornata organizzata nell'ambito del progetto europeo TartaLife promosso dal CNr Irbim, sarà animata da numerosi centri di recupero e da una serie di altre organizzazioni impegnate localmente in attività di salvaguardia della Caretta caretta, una specie protetta e ancora non sufficientemente tutelata.

alternate text

Animali: il camoscio non rischia più l'estinzione

Dopo quasi trent’anni di impegno per la tutela del camoscio appenninico, la specie non rischia più l’estinzione grazie al lavoro di ricercatori e tecnici dei parchi, associazioni e comunità locali.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza