cerca CERCA
Lunedì 28 Novembre 2022
Aggiornato: 16:32
Temi caldi

fashion week

alternate text

La ribelle borghese veste Max Mara

Si ispira al romanzo cult 'Bonjour tristesse' di Françoise Sagan la ragazza che veste Max Mara per la primavera-estate 2022. Il capolavoro letterario, capace di scuotere lo status quo della società dell’epoca e poi il film cult tratto dal libro, diretto da Otto Preminger, fa da filo rosso alla collezione tratteggiata da Ian Griffiths. La donna Max Mara è una Cécile de nos jours, una ribelle borghese che veste easy beatnik chic, con abiti che rimandano ai classici del workwear: la blusa da pescato...

alternate text

L'eroina postmoderna targata Drome: "Energia e colori dopo la pandemia"

“Volevo trasmettere un messaggio di energia e voglia di tornare fuori, di essere attivi, di stare insieme, di gioia ritrovata”. Parola di Marianna Rosati, mente e anima creativa di Drome, che per la sua primavera-estate 2022 ha portato in passerella il bisogno di liberarsi delle costrizioni subite durante la pandemia, con una carrellata di look eccentrici e dinamici, dall'estetica visionaria del regista Gregg Araki, fatta di flash, colori sfacciati e disturbanti alla musica ipnotica di Aphex Twin...

alternate text

Viaggio in Grecia per Genny: "Sporty e sexy, la donna torna a vivere"

Un viaggio in barca tra le isole della Grecia, tra i colori del Mediterraneo e i tramonti accesi. E' il fil rouge della nuova collezione di Genny, firmata Sara Cavazza Facchini, che per la prossima primavera estate 2022 immagina una donna vestita di sensualità, con un tocco sporty-chic. "Mi sono lasciata ispirare dal mare della Grecia e dai colori del tramonto - spiega la stilista all’Adnkronos - ho creato una collezione ispirata al mondo della marina, come per i colli di top e i dettagli delle g...

alternate text

La coriacea leggerezza di Alberta Ferretti

Alberta Ferretti risponde con "coriacea leggerezza" ai tempi che stiamo vivendo, mettendo al centro della sua collezione per la primavera-estate 2022 il corpo femminile, che esalta attraverso l’artigianalità di un accurato lavoro manuale. La collezione riafferma i segni del vocabolario della stilista, dalle lunghezze estreme o corte fino alla sfrontatezza, oppure estese e fluttuanti. Dagli spolverini liquidi indossati con top lavorati a crochet e pantaloni mossi da pince profonde, ai piccoli tabl...

alternate text

Philosophy, ritorno tra i banchi di scuola

Un ritorno tra i banchi di scuola, quasi un auspicio che presto i ragazzi possano tornare a confrontarsi in presenza, lasciandosi alle spalle la didattica a distanza. Parte da qui Lorenzo Serafini per disegnare la nuova collezione di Philosophy per l'autunno-inverno 2021-2022. "La scuola - spiega lo stilista - luogo di cultura che forma le generazioni attraverso il confronto, è un punto fermo che reputo la fonte primaria di crescita per i giovani. Ho ripensato agli incontri e agli scontri che ho ...

alternate text

Emporio Armani, atmosfere in technicolor

Atmosfere in technicolor per Emporio Armani che per la collezione dedicata alla fall-winter 2021/2022 rimanda al vocabolario armaniano - in particolare degli anni ’80 - stravolgendolo con punte di colore acceso, a partire dalle lettere del brand scelte per il set della sfilata co-ed, nella quale non mancano tocchi di ironia. Lo stilista ha voluto rivisitare il modo di vestire classico in capi destrutturati e morbidi, con continui rimandi al mondo dello sportswear, giocando con linee, tagli e tess...

alternate text

Genny, omaggio alle bellezze del Made in Italy

"L'Italia è un Paese meraviglioso, con un patrimonio artistico e culturale che lo rende famoso in tutto il mondo come luogo di straordinaria bellezza e creatività". Parte da qui Sara Cavazza, direttore creativo di Genny per la sua collezione autunno inverno 2021/22, ambientata a Milano e nella cornice del prestigioso Palazzo Reale, cuore della città, passando per il Piermarini e per la magnificenza della gigantesca Sala delle Cariatidi.

alternate text

Le young queen di Max Mara

Una fanfara, un giubileo, un'incoronazione. E' la regina moderna vestita Max Mara, che celebra con uno show in digitale i 70 anni della sua fondazione. Di strada, del resto, la donna Max Mara ne ha fatta: era 1951 quando Achille Maramotti fondò il suo brand pensando alle “mogli dei notai e dei dottori”. Quelle donne, forti e determinate, che si sarebbero affermate nel mondo del lavoro e alle quali Max Mara sarebbe sempre stata al loro fianco.

alternate text

Fendi, eleganza all'italiana

Un racconto di famiglia per la prima collezione ready to wear donna (tutta in toni neutri) firmata Kim Jones, che omaggia le cinque sorelle e la visione di Karl Lagerfeld

alternate text

Mila Schön, geometrie liquide

Sintesi, modularità, dinamismo sono i caratteri che definiscono la modernità senza tempo di Mila Schön nella collezione pensata per l'autunno-inverno 2021/2022. Al centro del racconto la personalità della donna: il guardaroba è un repertorio di strumenti per raccontarsi, con efficacia e semplicità.

alternate text

Simonetta Ravizza, ode a Jane Birkin

Se è vero che lo stile è senza tempo, lo stesso può dirsi per un'icona come Jane Birkin. Cantante, attrice, donna di grande charme, a renderla inconfondibile è sempre stato il suo allure e quella nonchalance che rendeva 'unico' ogni suo vezzo, ogni capo indossato. E' a lei che si ispira la collezione di Simonetta Ravizza per il prossimo inverno 2021/22. Tutto è orchestrato con semplicità e sensualità: dal gioco di trasparenze ai pezzi combinabili da minigonne, short, canottierine a costine, panta...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza