cerca CERCA
Venerdì 07 Ottobre 2022
Aggiornato: 23:38
Temi caldi

guerra Russia Ucraina

alternate text

Nunzio Kiev: "Fermare aggressione, non proponibile ora Croce portata coi russi"

C’è una cittadina in Ucraina, "Borodjanka: pronuncio il nome e basta questo per piangere. Non sappiamo nemmeno quanti siano i morti. Per non parlare di Mariupol, città martire". Monsignor Visvaldas Kulbokas, nunzio apostolico a Kiev, da quasi 50 giorni ha davanti agli occhi il massacro. E parte da questa realtà incontrovertibile, causata dall’aggressione russa all’Ucraina, per commentare all’Adnkronos il coro di voci che non condividono il progetto della Santa Sede di fare portare la Croce ad una...

**Ucraina: Opac, 'uso armi chimiche riprovevole e contrario a norme internazionali'**

"L'uso di armi chimiche ovunque, da parte di chiunque e in qualsiasi circostanza, è riprovevole e del tutto contrario alle norme legali stabilite dalla comunità internazionale contro tale uso". Lo comunica il portavoce dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac) dicendosi "preoccupato" per le recenti notizie, non confermate, sull'uso di armi chimiche a Mariupol, apparse sui media nelle ultime ore. Notizie che seguono quelle delle ultime settimane e che riguardano bombardamen...

Ucraina: Simoncelli (Iriad), 'armi chimiche vietate ma sta saltando ogni certezza'

Difficile dire, con le informazioni attualmente a disposizione, se in Ucraina siano state usate armi chimiche. "Ufficialmente la Russia è uno dei Paesi aderenti alla convenzione di Parigi sulle armi chimiche del 1993, così come Usa e Cina. Un totale di 193 Stati che si sono impegnati a rispettare la convenzione, ma in questa guerra mi sembra stiano saltando tutte le certezze, le norme di convivenza e del diritto di guerra. In questa situazione sospendo ogni giudizio perché stanno accadendo cose a...

alternate text

Amnesty: "smentito chi pensava guerra in Europa potesse essere meno sporca"

"Chi pensava che una guerra in Europa potesse essere meno sporca di guerre del Medio Oriente o dell'Africa ha trovato sin dall'inizio una smentita a questa previsione. Amnesty International ha documentato, già dal 24 febbraio, crimini di guerra consistenti in attacchi contro obiettivi civili anche attraverso l'uso di armi vietate come le bombe a grappolo. Sono stati colpiti scuole adibiti a rifugi, ospedali, centri abitati; ci sono state uccisioni di civili, denunce di torture e di stupri, e tutt...

alternate text

Ucraina: Greenpeace, 'da invasione russa gravi rischi per centrali nucleari'

L'entità della minaccia nucleare rappresentata dall'invasione dell'Ucraina non ha precedenti. Lo denuncia Greenpeace International sulla base della nuova mappatura e analisi tecnica realizzata con i dati dell'Institute for the Study of War e del Centre for Information Resilience, tra gli altri, che mostra, giorno per giorno, la vicinanza delle truppe russe e delle attrezzature militari a ciascuno dei 15 reattori nucleari dell'Ucraina. Una mappa, sottolinea Greenpeace, "che fornisce un'agghiaccian...

**Ucraina: Grossi (Aiea), 'il morale del personale della centrale Zaporizhzhya è molto basso'**

"Il morale e lo stato emotivo" del personale che lavora presso la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhya sono "molto bassi". Lo fa sapere il direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), Rafael Mariano Grossi, che riceve aggiornamenti dall'Ucraina. Grossi ha espresso più volte grave preoccupazione per le condizioni di lavoro estremamente stressanti e difficili cui è sottoposto il personale che opera negli impianti nucleari ucraini, in particolare presso la centra...

alternate text

La denuncia di un italiano a Lugansk: "Ipocrisia Occidente abbandona chi vive nel Donbass"

"Le raccolte umanitarie deviano, una volta arrivate alle città del Donbass. Non seguono i confini geografici ma politici, snobbano gente che è di nazionalità ucraina a tutti gli effetti e che oggi si ritrova senza nulla, rifornimenti, scuole, medicinali. L'Occidente aiuta lì dove ha interessi, ma è la Russia a colmare le falle di un sistema di beneficenza parziale e impietoso". Riccardo Cocco, l'italiano ritenuto "la primula rossa" della guerra russa-ucraina e sul quale starebbero lavorando addir...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza