cerca CERCA
Martedì 30 Novembre 2021
Aggiornato: 23:23
Temi caldi

incendi

alternate text

Australia, dopo l'inferno restano solo 35.000 Koala

È passato un anno dalla devastante stagione degli incendi a cui l’Australia abbia mai assistito. I numeri del bilancio della perdita di biodiversità sono impressionanti. 19 milioni di ettari di foresta distrutti. Tre milioni gli animali che hanno perso la vita. Proprio per questo il WWF ha lanciato il piano Regenerate Australia con l'obiettivo di rigenerare le foreste, aiutare la fauna selvatica e fermare la distruzione degli habitat.  

alternate text

Rotocalco n. 5 del 3 febbraio 2021

Australia, dopo l'inferno restano solo 35.000 Koala. Con Pagine Bianche nasce il marketplace per le prenotazioni mediche in tempo reale. 'Next-Napoli', dall'urbanistica al commercio, l'associazionismo partenopeo si presenta. Farmers 4 Future

alternate text

Greenpeace in azione a Bruxelles: "Ue è complice degli incendi"

Cinque attivisti di Greenpeace hanno scalato la facciata di 14 piani della sede della Commissione Europea, a Bruxelles, ed esposto uno striscione di 30 metri con il messaggio 'Amazon fires – Europe guilty'. Lo striscione riproduce un foro nell’edificio attraverso il quale si vede l’Amazzonia in fiamme. Alcuni attivisti a terra hanno aperto invece degli striscioni in diverse lingue, su quello in italiano si legge 'L’Europa griglia, l’Amazzonia brucia'.

alternate text

Prometeo n. 37 del 9 settembre 2020

Bioplastica compostabile nell’organico, ecco quanta ce n’è. Spiagge a rischio, nel 2100 l'Italia potrebbe perderne più di mille km.Incendi, ad aprile in aumento del 13% rispetto al 2019 in tutto il mondo

alternate text

Artico, "nuovo record di emissioni per gli incendi estivi"

Nuovo record di emissioni di CO2 dal Circolo Polare Artico a causa degli incendi estivi nella regione e picco di roghi nel sud-ovest degli Stati Uniti d’America durante il mese di agosto. E' quanto rilevano gli scienziati di Copernicus Atmosphere Monitoring Service (Cams) presso il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (Ecmwf).

alternate text

Incendi, ci vorranno fino a 15 anni per ricostruire i boschi

Per ricostituire i boschi ridotti in cenere dal fuoco ci vorranno fino a 15 anni con danni all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo. A lanciare l'allarme è la Coldiretti. A partire dal 15 giugo, l'organizzazione stima in oltre 600 gli interventi aerei necessari lungo la Penisola per spegnere i roghi in una estate di fuoco.

alternate text

Deforestazione e incendi: l'Amazzonia verso l’estinzione

Nel 2020 gli incendi nell'Amazzonia brasiliana superano di oltre il 52% la media decennale, e di quasi un quarto (del 24%) quelli degli ultimi tre anni. Nel mese di luglio, l'Istituto brasiliano di ricerca spaziale ha registrato nella sola Amazzonia brasiliana un aumento del 28% del numero di incendi rispetto allo stesso periodo del 2019 (6.803 incendi registrati rispetto ai 5.318 roghi di luglio 2019), principalmente causati dall'impennata dei livelli di deforestazione illegale.

alternate text

Italia brucia, "clima aggrava il fenomeno"

Dall’incendio scoppiato sul Gran Sasso a inizio mese ai roghi del palermitano, passando per Campania e Calabria, "anche questa estate presenta il conto di aree boschive danneggiate o perdute a causa degli incendi. In generale, le principali cause sono il progressivo abbandono di aree agricole e di pascolo, la mancanza di gestione del territorio e un approccio che si concentra principalmente sulla lotta agli incendi attivi piuttosto che sulla loro prevenzione". E la situazione "è destinata a peggi...

alternate text

Incendi, sei su 10 sono dolosi

E’ quanto spiega la Coldiretti in relazione ai violenti roghi che stanno devastando in Italia centinaia di ettari di foreste, macchia mediterranea e parchi naturali dall’Abruzzo alla Sardegna, dalla Puglia alla Sicilia con conseguenze drammatiche in termini ambientali ed economici

alternate text

Clima, temperature da record in Siberia e incendi nell'Artico

Copernicus Climate Change Service (C3S) rivela che le temperature globali di giugno 2020 sono state pari a quelle record di giugno 2019. La caratteristica regionale più sorprendente è stata l’ondata eccessiva di calore sopra la Siberia artica, dove le temperature medie hanno raggiunto i 10 °C sopra la media del mese di giugno in alcune località.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza