cerca CERCA
Domenica 25 Settembre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

lupo

alternate text

Un film già visto, scimmie e lupi di nuovo insieme

La discendenza del cane dal lupo è segnata daI suo progressivo addomesticamento ad opera dell’uomo. Stando ai risultati di un recente studio condotto da un team di ricercatori del Dartmouth College (USA), pare che i babbuini Gelada (Theropithecus gelada), grosse scimmie che vivono nelle montagne e nelle praterie dell’Etiopia, stiano seguendo la nostra stessa strada e abbiano iniziato il processo di addomesticamento. Gli esperti, infatti, hanno scoperto che quando le scimmie si spostavano in branc...

alternate text

Ispra, il lupo è tornato

Sono 3.300 i lupi presenti sul territorio italiano. La stima deriva dal primo monitoraggio nazionale coordinato da Ispra, e svolto tra ottobre 2020 e aprile 2021 con la partecipazione di una vasta rete di esperti e volontari. Poco meno di un migliaio di individui si muove nelle regioni alpine, mentre sono quasi 2.400 quelli distribuiti lungo il resto della penisola. La specie occupa stabilmente circa 41.600 km2 nelle regioni alpine e 108.500 km2 nelle regioni peninsulari, pari a poco più del 50% ...

alternate text

Lupi e orsi, pericolosi o no?

Se possono evitano l'uomo e la loro popolazione non aumenterà in maniera esponenziale. A fare chiarezza su queste specie e sulla convivenza tra uomo e grandi carnivori, la campagna Unfakenews

alternate text

Animali: dalle Alpi alla Calabria, primo piano coordinato nazionale lupo

Per la prima volta da quando il lupo è stato protetto, le istituzioni nazionali uniscono le forze per fotografarne distribuzione e consistenza contemporaneamente dalle Alpi alla Calabria, utilizzando disegni di campionamento e protocolli standardizzati avanzati, messi a punto dall'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra).

alternate text

Animali: Pasturs, riparte progetto per convivenza pastori-grandi predatori

Pasturs, il progetto pensato per rendere possibile la convivenza fra i grandi predatori (Orso e Lupo) e le attività zootecniche sulle Orobie bergamasche, riparte in sicurezza adeguandosi alle nuove norme imposte dal Covid-19. Nei mesi di luglio e agosto, 30 volontari selezionati e adeguatamente formati si trasferiscono in 10 alpeggi per affiancare i pastori nelle loro attività quotidiane di gestione e protezione delle greggi.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza