cerca CERCA
Giovedì 29 Settembre 2022
Aggiornato: 20:15
Temi caldi

malato

alternate text

Costanzo (Humanitas): "Upadacitinib inibisce prurito in dermatite atopica"

Si manifesta con la formazione improvvisa di cute secca e pruriginosa e di chiazze rosse con vescicole. E' la dermatite atopica, che in Italia colpisce tra il 2 e l'8% degli adulti; la forma grave della malattia interessa decine di migliaia di pazienti. "I principali sintomi possono insorgere a qualunque età - afferma Antonio Costanzo, responsabile dell'Unità operativa di Dermatologia all'Humanitas di Milano - Il problema è che, quando la malattia fa la sua comparsa, ha un impatto devastante sull...

alternate text

IBD, Ardizzone: "Vedolizumab sottocute porta enormi vantaggi per pazienti e riduce costi degli ospedali"

 Takeda ha presentato un’innovazione nel trattamento delle MICI: la nuova formulazione sottocutanea del farmaco vedolizumab. Secondo il prof. Sandro Ardizzone dell'Università di Milano: "Oggi abbiamo la possibilità di disporre di una doppia formulazione di un farmaco estremamente utile come il vedolizumab. Questo offre enormi vantaggi per il paziente che potrà utilizzare il farmaco a domicilio e riduce anche i costi per le strutture sanitarie".

Fibrillazione, anticoagulante rivaroxaban riduce rischi per reni

I pazienti con fibrillazione atriale non valvolare che ricevono l'anticoabulante rivaroxaban nel tempo hanno un rischio e un tasso di declino della funzione renale significativamente ridotti rispetto ai pazienti trattati con warfarin. Lo indica lo studio di coorte 'Antenna', condotto nel Regno Unito, presentati nel corso del recente Congresso Esc 2021 - The Digital Experience.

alternate text

Fibrillazione, anticoagulante rivaroxaban riduce rischi per reni

I pazienti con fibrillazione atriale non valvolare che ricevono l'anticoabulante rivaroxaban nel tempo hanno un rischio e un tasso di declino della funzione renale significativamente ridotti rispetto ai pazienti trattati con warfarin. Lo indica lo studio di coorte 'Antenna', condotto nel Regno Unito, presentati nel corso del recente Congresso Esc 2021 - The Digital Experience.

alternate text

Covid, esperti: 'Per pazienti con Mici nessuna controindicazione a vaccino'

"Nessuna controindicazione alla vaccinazione Covid: i pazienti adulti con malattie infiammatorie croniche intestinali", le Mici, "trattati con farmaci antinfiammatori non steroidei con azione limitata al tratto gastrointestinale sono equiparati alla popolazione generale. Quindi possono e devono sottoporsi al vaccino anti Sars-CoV-2. Il consiglio è di non aspettare e di non posticipare la seconda dose, perché con la seconda dose si ha un recupero della risposta anticorpale. Inoltre, sebbene non ci...

alternate text

Covid, pediatra Miele: 'Bambini con Mici devono fare vaccino, buona risposta'

“I bambini affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali devono essere vaccinati contro il Covid come tutti gli altri bambini. La risposta immunitaria al vaccino anti Sars-Cov-2 (Pfizer e Moderna) da parte dei piccoli pazienti con Mici è buona, addirittura sembra essere migliore rispetto all’adulto, come dimostra uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 2021. Gli effetti collaterali? Pochi e simili a quelli della popolazione generale, ovvero dolore al braccio, stanc...

alternate text

Tumori, 20% pazienti muore per conseguenze malnutrizione

La malnutrizione nei pazienti oncologici, problema molto frequente, incide negativamente sulla praticabilità e l’efficacia delle terapie, sulla sopravvivenza e sulla qualità di vita dei pazienti. I dati parlano chiaro: aumenta di 2,6 volte il tasso di mortalità, di 3 volte il tasso di complicanze e del 30% la durata della degenza. I pazienti malnutriti rispondono meno alle terapie, in particolare a quelle oncologiche e, in media, ricorrono maggiormente a ricoveri ospedalieri. Si stima che il 20%...

alternate text

Malattie reumatiche: “Multidisciplinarietà tra i diversi specialisti per una corretta presa in carico a garanzia di una vita migliore”

Milano 15 luglio 2021 - Regione Lombardia è un’eccellenza a livello Nazionale per la reumatologia. Nonostante questo, le Associazioni di pazienti, clinici e medicina territoriale chiedono una riorganizzazione dei percorsi assistenziali che consenta, viste le molte opportunità terapeutiche, rapida diagnosi e presa in carico, garanzia di accesso alle cure uniforme prima che le malattie reumatiche autoimmuni portino il paziente a situazioni di invalidità. La pandemia ha evidenziato molte criticità s...

alternate text

Lovrencic: “Da ricerca iWish emerge preoccupazione dei pazienti ITP per effetti negativi dei corticosteroidi”

“Dalla ricerca iWish emerge che il 70% dei pazienti che hanno avuto terapie con corticosteroidi è molto preoccupato degli effetti collaterali a lungo termine di queste terapie.  In merito alla qualità di vita dei pazienti ITP, lo studio dà inoltre il giusto peso alla fatigue, la stanchezza cronica che è molto impattante nella vita dei pazienti”. Lo ha dichiarato Barbara Lovrencic, Presidente AIPIT (Associazione Italiana Porpora Immune Trombocitopenica), a margine dell’evento “Trombocitopenia Immu...

alternate text

L'innovazione in oncologia per salvare sempre più vite

Roma 28 giugno 2021 - In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti al cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo.

Usa, via libera Fda a monoclonale Roche per pazienti ricoverati

Via libera dall'Agenzia del farmaco americana Fda all'anticorpo monoclonale tocilizumab (Actemra*) per il trattamento di Covid-19 in pazienti adulti e bambini ricoverati in ospedale. La Food and Drug Administration ha concesso l'approvazione di emergenza a Genentech, filiale Usa del gruppo farmaceutico svizzero Roche. La decisione si basa sui risultati di 4 studi che hanno valutato tocilizumab su oltre 5.500 pazienti.

alternate text

Tumori: radioterapia in 1 sola seduta, pazienti trattati con successo al Negrar di Verona

Sconfiggere in una sola seduta di circa 40 minuti le recidive del tumore del colon o della prostata, concentrando in una singola dose una grandissima quantità di radiazioni ionizzanti cioè raggi X ad alta energia. Oggi è possibile grazie a un killer di precisione hi-tech, capace di centrare il bersaglio tumorale sfruttando una risonanza ad alto campo come una lente di ingrandimento incorporata. L’innovativo trattamento è stato eseguito per la priva volta in Italia al Dipartimento di radioterapia ...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza