cerca CERCA
Giovedì 06 Ottobre 2022
Aggiornato: 09:24
Temi caldi

malattia cardiovascolare

Protocollo Regione Lazio-Novartis per prevenzione malattie cardiovascolari

Implementare politiche efficaci di prevenzione delle patologie cardiovascolari. Con questo obiettivo è stato firmato ieri a Roma un protocollo d'intesa tra la Regione Lazio e Novartis per una collaborazione attiva nel ridurre la mortalità legata alle malattie cardiovascolari. Nel Lazio nel 2020 le patologie del sistema cardiocircolatorio rappresentano la principale causa di ricovero, pari al 17,7%.

Indagine Sanofi su malattie cardiovascolari, ‘non sottovalutare ipercolesterolemia’

In occasione dell’incontro "La prevenzione che sta a cuore. Malattie cardiovascolari e colesterolo nei pazienti ad alto rischio: agire prima, in modo intensivo e efficace, per ridurre la mortalità”, svoltosi a Milano alla vigilia della Giornata mondiale del cuore 2022 (29 settembre), è stata presentata l’indagine realizzata da Swg per Sanofi, nella quale si analizza il tasso di consapevolezza e conoscenza riguardo alle malattie cardiovascolari e alle conseguenze dell’ipercolesterolemia.

alternate text

Salute del cuore: in Italia dati allarmanti, puntare su prevenzione

In occasione dell’incontro "La prevenzione che sta a cuore. Malattie cardiovascolari e colesterolo nei pazienti ad alto rischio: agire prima, in modo intensivo e efficace, per ridurre la mortalità”, svoltosi a Milano alla vigilia della Giornata mondiale del cuore 2022 (29 settembre), è stata presentata l’indagine realizzata da Swg per Sanofi, nella quale si analizza il tasso di consapevolezza e conoscenza riguardo alle malattie cardiovascolari e alle conseguenze dell’ipercolesterolemia.

alternate text

Salute, Colivicchi (Anmco): “120mila infarti ogni anno, fondamentale prevenzione”

“In Italia ogni anno ci sono 120mila infarti: un dolore al torace va rapidamente inquadrato con un elettrocardiogramma. La prevenzione cardiovascolare allunga la vita e noi dovremmo sempre, anche quando stiamo bene, consultare il nostro medico di base e tenere sotto controllo i fattori di rischio (colesterolo, pressione arteriosa, fumo) e praticare un regolare esercizio fisico, anche blando”. Lo afferma Fulvio Colivicchi, presidente dell’Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri (Anmco...

alternate text

Sardegna: malattie cardiovascolari e sclerosi, il presidente Solinas incontra vertici Novartis

Si è tenuto ieri mattina presso la sede istituzionale della Presidenza della Regione, Villa Devoto, l’incontro tra il presidente della Regione Christian Solinas e i vertici della società Novartis, azienda leader mondiale nella ricerca e sviluppo di terapie innovative, nel corso del quale è stata firmata una lettera di intenti per l’istituzione di un gruppo di lavoro e, in seconda battuta, per l’istituzione di un tavolo regionale per lo sviluppo di modelli innovativi di prevenzione e presa in cari...

alternate text

Riparte 'Truck tour Banca del cuore', campagna in 34 città per screening

Riparte venerdì in tutta Italia la campagna nazionale di prevenzione cardiovascolare 'Truck Tour Banca del Cuore 2022', promossa dalla Fondazione per il Tuo cuore dell’Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri (Anmco), con il patrocinio della presidenza del Consiglio dei ministri, del dipartimento nazionale di Protezione Civile, di Rai-Responsabilità Sociale e di Federsanità-Anci. "L’impatto del Covid-19 ha provocato un enorme peggioramento delle malattie cardiovascolari; negli ultimi ...

alternate text

Malattie cardiovascolari: pazienti curati sul territorio con il sistema “Controllo remoto”. Piemonte capofila in Italia

Pollenzo, 15 febbraio 2022 - La pandemia Covid-19 ha acuito la necessità di gestire a livello territoriale le patologie cardiovascolari croniche come la cardiopatia ischemica cronica, i portatori di dispositivi elettronici impiantabili (pacemaker e defibrillatori) e lo scompenso cardiaco cronico. È da molti ritenuto rilevante inoltre pensare all’ospedale come un gestore della fase acuta del processo di cura e il territorio come un luogo di controllo dove seguire i pazienti vicino al proprio domic...

alternate text

Volpe (Siprec): “Virus influenzale può essere pericoloso per i cardiopatici”

"Il virus influenzale può essere pericoloso per pazienti cardiopatici: agisce infatti sull’apparato cardiovascolare attraverso vari meccanismi, il più importante è quello dell’infiammazione che può causare una instabilizzazione sui vasi delle placche aterosclerotiche e, conseguentemente, una rottura di queste placche favorendo l’infarto del miocardio, non a caso c’è un incremento molto marcato di casi di infarto durante la fase più acuta dell’epidemia influenzale” (VIDEO).

Le malattie del cuore nel 2030 uccideranno una città intera al giorno nel mondo

'Emergenza cuore' nel mondo. Dopo un calo della mortalità negli ultimi decenni, i numeri delle malattie cardiovascolari sono di nuovo in aumento, invertendo anni di progresso sia sul fronte delle cardiopatie ischemiche sia su quello delle malattie cerebrovascolari. E le previsioni sono allarmanti: i morti per cause cardiovascolari raggiungeranno nel 2030 la cifra di 24 milioni di morti all’anno che equivalgono a circa 66.000 decessi al giorno. È come se ogni giorno scomparisse una città come Mass...

alternate text

Un 'nuovo colesterolo cattivo' aumenta i rischi per il cuore

Non tutto il cosiddetto colesterolo cattivo sarebbe ugualmente temibile. Ora il pericolo per le arterie si chiama 'nuovo colesterolo cattivo', ovvero Lipoproteina (a). Nota con la sigla Lp(a), si tratta di un importante fattore di rischio genetico, troppo a lungo trascurato, per le malattie cardiovascolari che rappresentano la prima causa di morte nel mondo, con una stima di circa 17 milioni di decessi l'anno, e che in Italia sono responsabili del 35,8% di tutti i decessi (32,5% negli uomini e 38...

alternate text

Fumo: cardiologo Biondi Zoccai, 'e-cig possono aiutare a smettere'

"Il fumo rappresenta ancora il più importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari e per il cancro. Le sigarette elettroniche sono prodotti a rischio modificato che possono migliorare i tassi di cessazione e aiutare nel percorso di distacco dalle sigarette tradizionali". Lo sottolinea Giuseppe Biondi Zoccai, docente di Cardiologia del Dipartimento di Scienze e biotecnologie medico-chirurgiche dell'Università Sapienza di Roma, nelle conclusioni del suo intervento alla prima giornata ...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza