cerca CERCA
Domenica 28 Febbraio 2021
Aggiornato: 08:22
Temi caldi

microplastiche

alternate text

Santuario Cetacei, microplastica e fibre tessili in pesci e invertebrati

Scampi alla griglia in plastica, zuppa di scorfano alla plastica, acciughe e sgombri al forno con plastica. Questo sembra essere il menù degli italiani questa estate. La plastica non ce la mangiamo, perché si concentra nell’intestino e il pesce abitualmente lo consumiamo eviscerato, ma l’allarme rimane e non va in alcun modo sottovalutato.

alternate text

Mare: picchi di microplastiche nel Tirreno, in particolare a Capraia

Nelle acque marine superficiali del Mar Tirreno centrale si riscontra una diffusa presenza di microplastiche, con concentrazioni elevate sia in aree fortemente impattate, come la foce del Tevere e il porto di Olbia, che in zone lontane da fonti inquinanti come l’isola di Capraia. Una contaminazione che non risparmia aree potenzialmente poco impattate come Capraia, anzi: qui è stata registrata la concentrazione più alta, oltre 300mila particelle per chilometro quadrato.

alternate text

Greenpeace issa le vele, parte il tour 'Difendiamo il mare'

Come sta il mare post lockdown? L’inquinamento da plastica e microplastica è aumentato o diminuito, complice il crescente uso di dispositivi di protezione individuale e plastica monouso? Per rispondere a queste domande ma anche per documentare l'enorme biodiversità dei nostri mari e studiare come anch'essa stia soffrendo l'impatto dei cambiamenti climatici, parte giovedì 16 luglio da Porto Santo Stefano (Grosseto) il tour di Greenpeace 'Difendiamo il mare'.

alternate text

Ambiente, studio: sempre più microplastiche nei laghi

Le microplastiche minacciano sempre di più anche i laghi italiani: in tre anni, infatti, nelle acque del lago di Garda, Trasimeno e Bracciano è aumentata la concentrazione media di microparticelle di plastica per km2; polistirolo e polietilene i frammenti più diffusi.

alternate text

Ambiente: studio, ecosistemi a rischio in Antartide, colpa delle microplastiche

“Vi sono prove che le microplastiche abbiano raggiunto le regioni più remote del pianeta”. Si apre con questa affermazione l’articolo pubblicato sulla rivista scientifica Biology Letters del team di ricerca internazionale che vede come capofila l'Università di Siena e che ha dato la prima evidenza di contaminazione da microplastiche in animali terrestri antartici.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza