cerca CERCA
Mercoledì 28 Luglio 2021
Aggiornato: 05:33
Temi caldi

milano

alternate text

Piazza Affari positiva, banche in recupero

Anche se Piazza Affari ha chiuso con il segno più, il tanto atteso rimbalzo dopo il tonfo di ieri non c’è stato. In attesa del meeting della BCE, in calendario per giovedì, il listino milanese ha terminato sopra la parità (il Ftse Mib ha segnato un +0,59% a 24.107,33 punti) grazie al buon andamento delle utilities (+0,88% di A2A, +0,78% di Terna e +0,3% per Hera) e dei titoli del comparto industriale (+1,96% di Buzzi Unicem, +2,01% di CNH Industrial).

alternate text

Piazza Affari chiude sotto quota 24 mila punti

Avvio di settimana all’insegna delle vendite per il listino di Piazza Affari. Causa le tensioni in arrivo dal fronte sanitario, che rischiano di far deragliare la ripresa, e la debolezza del comparto energetico, penalizzato dall’accordo in sede Opec+ per l’incremento dell’output, l’ottava del listino di Milano, e delle altre borse europee, è iniziata all’insegna delle vendite.

alternate text

La settimana di Piazza Affari si chiude con il segno meno

Dopo un rimbalzo nella prima parte, Piazza Affari ha chiuso l’ultima seduta della settimana con il segno meno in scia delle incognite innescate dall’avanzata dalle variante Delta. Buone nuove sono arrivate dal presidente USA Joe Biden, che ha fatto sapere di voler revocare le restrizioni sui voli aerei dall'Europa verso gli Stati Uniti.

alternate text

Milano chiude debole

Chiusura all’insegna della debolezza per Piazza Affari nel giorno dell’avvio della stagione delle trimestrali e dell’aggiornamento relativo l’inflazione statunitense. Nel caso della “earning season”, il la è stato dato, come d’abitudine, da due big del comparto finanziario come JPMorgan e Goldman Sachs.

alternate text

La settimana di Piazza Affari parte in positivo

Dopo una prima parte incerta, i rialzi registrati dalle aziende farmaceutiche e dalle utilities hanno permesso a Piazza Affari di chiudere la prima seduta della settimana con il segno più. Con gli operatori concentrati sulle notizie in arrivo dal fronte sanitario ed in attesa dell’avvio della stagione delle trimestrali USA, il nostro Ftse MIb si è fermato a 25.283,2 punti, +0,92% rispetto al dato precedente.

alternate text

Borsa, Ftse Mib chiude poco mosso

Seduta poco mossa per una Piazza Affari in trepidante attesa delle minute dell’ultima riunione della Federal Reserve. Dalla pubblicazione dei verbali della riunione di metà giugno gli operatori si attendono indicazioni sulle tempistiche e le modalità con cui gli strumenti straordinari saranno ritirati.

alternate text

Piazza Affari debole, pesa dietrofront del greggio

Segno meno per le borse europee in scia di un comparto energetico indebolito dalle prese di beneficio sul greggio. All’indomani del nulla di fatto da parte dell’Opec+, che a causa delle divergenze tra Arabia Saudita ed Emirati Arabi ha rinviato la discussione sui tagli all’output, il future sul Brent perde, dopo i massimi dal 2018, il 3,4% a 74,5 dollari al barile.

alternate text

Piazza Affari debole, vendite sui bancari

Causa i timori innescati dalla variante Delta, la settimana dei listini europei è iniziata con il segno meno a causa della debolezza dei titoli ciclici. A Milano, dove il Ftse MIb ha chiuso a 25.227,1 punti (-1,11%), i pochi incrementi sono appannaggio di Terna (+0,83%), Ferrari (+0,67%) e STMicroelectronics (+0,47%). Quest’ultima ha annunciato una collaborazione strategica con Renault.

alternate text

Milano, inaugurati i giardini di via Dezza

Riqualificato lo spazio verde ad opera di  Enel  Energia attraverso il modello virtuoso dell’economia circolare per dare nuova vita agli oggetti in disuso. Presente anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala 

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza