cerca CERCA
Sabato 04 Dicembre 2021
Aggiornato: 11:20
Temi caldi

pescatori Libia

alternate text

Pescatori Libia, il Copasir sentirà Conte e Di Maio

"L’ufficio di presidenza del Comitato ha deciso, in relazione ai fatti cosiddetti Libia-Pescatori, di svolgere, nell’immediatezza della ripresa dei lavori parlamentari, le audizioni del Presidente del Consiglio, del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del Direttore dell’Aise". Lo ha reso noto il presidente del Copasir Raffaele Volpi.

alternate text

Il pescatore: "Mi hanno picchiato e ci minacciavano"

(dall'inviata Elvira Terranova)“Sono stato abbandonato dal mio comandante che è scappato con il peschereccio, neanche un padre abbandona un figlio e lui lo ha fatto. Non lo posso perdonare. Subito dopo sono stato picchiato dai militari libici, che mi hanno dato schiaffi, calci, ginocchiate. E mi minacciavano di tagliarmi la gola. E le gambe. È stato terribile. Ho avuto paura di non rivedere più la mia famiglia. È stato un incubo durato più di tre mesi”. Bernardo Salvo, uno dei pescatori liberati ...

alternate text

Pescatori liberi, Berlusconi e l'intervento di Putin

L'ex premier Silvio Berlusconi ha chiamato al telefono il comandante del peschereccio 'Medinea' Marco Marrone per esprimergli vicinanza dopo la liberazione dei 18 pescatori. A fare da tramite il Presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè, commissario regionale di Forza Italia in Sicilia, venuto a Mazara per l'arrivo dei due pescherecci.

alternate text

Mazara, il pescatore: "Hanno sparato in aria, pensavamo di morire" - Video

"Siamo stati trattati malissimo, ci facevano dormire a terra. Cibo scadente. E' stato terribile". Così, rispondendo alle domande dei cronisti, Onofrio Giacalone, uno dei 18 pescatori di Mazara del Vallo sequestrati con i loro pescherecci in Libia per oltre 100 giorni e oggi finalmente tornati in Italia.

alternate text

Pescatori Mazara, mamma Rosetta: "Pietro ha avuto paura, ora potrò riabbracciarlo" - Video

"Hanno sofferto tanto e avevano paura ma ora è tutto finito, finalmente potrò riabbracciare mio figlio Pietro". Lo ha detto Rosetta Ingargiola, la madre 74enne di Pietro Marrone, il Comandante della ‘Medinea’ in arrivo al porto di Mazara (VIDEO). "Ma anche se è adulto lui stava con la speranza che io gli dessi forza. E gliel’ho data". E ha aggiunto: "Le donne di Mazara sono fortissime. Noi Non li abbiamo mai abbandonati, abbiamo lottato giorno e notte. Ho accompagnato mio figlio qui il 26 agosto ...

alternate text

Pescatori Libia, mamma Rosetta: "Hanno sofferto, ora tutto finito"

"Hanno sofferto tanto e avevano paura ma ora è tutto finito, finalmente potrò riabbracciare mio figlio Pietro". Lo ha detto Rosetta Ingargiola, la madre 74enne di Pietro Marrone, il Comandante della ‘Medinea’ in arrivo al porto di Mazara (VIDEO). "Ma anche se è adulto lui stava con la speranza che io gli dessi forza. E gliel’ho data". E ha aggiunto: "Le donne di Mazara sono fortissime. Noi Non li abbiamo mai abbandonati, abbiamo lottato giorno e notte. Ho accompagnato mio figlio qui il 26 agosto ...

alternate text

"Amore mio ti aspetto a casa", la prima chiamata della moglie al pescatore di Mazara

"Amore mio, ti aspetto a casa. Non vedo l’ora di abbracciarti". Cristina Amabilino, moglie del pescatore Bernardo Salvo non riesce a contenere la gioia. E' riuscita a parlare al telefono, via radio dal peschereccio Aristeus ormeggiato a Mazara del Vallo, con il marito liberato ieri in Libia dopo oltre 100 giorni di sequestro condiviso con gli altri 17 pescatori. "Appena arrivi festeggeremo - dice felice - finalmente è finito un incubo". E ringrazia l’armatore Marco Marrone che "in questi mesi ci ...

alternate text

"Amore mio ti aspetto a casa", la telefonata tra il pescatore di Mazara e la moglie

"Amore mio, ti aspetto a casa. Non vedo l’ora di abbracciarti". Cristina Amabilino, moglie del pescatore Bernardo Salvo non riesce a contenere la gioia. E' riuscita a parlare al telefono, via radio dal peschereccio Aristeus ormeggiato a Mazara del Vallo, con il marito liberato ieri in Libia dopo oltre 100 giorni di sequestro condiviso con gli altri 17 pescatori. "Appena arrivi festeggeremo - dice felice - finalmente è finito un incubo". E ringrazia l’armatore Marco Marrone che "in questi mesi ci ...

alternate text

Libia, pescherecci in viaggio verso Mazara: domenica l'arrivo

In viaggio verso l’Italia i due pescherecci con a bordo i 18 pescatori liberati ieri mattina in Libia dopo tre mesi di sequestro. Le due imbarcazioni, ‘Medinea’ e ‘Antartide’ hanno lasciato il porto di Bengasi poco prima dell’una di notte con destinazione Mazara del Vallo (Trapani) dove arriveranno domenica mattina. Già ieri sera i pescherecci erano pronti alla partenza ma una delle due barche ha avuto un guasto elettrico al motore ed è stato necessario rinviare la partenza. Adesso i due peschere...

alternate text

Pescatori partiti da Libia, a Mazara sabato sera

"I due pescherecci sono appena partiti dalla Libia per l'Italia, l'arrivo dei pescatori è previsto al porto di Mazara intorno a sabato sera". A dirlo all'Adnkronos è il sindaco di Mazara Salvatore Quinci. "Ho appena avuto la comunicazione ufficiale - dice - i due pescherecci sono già in viaggio. Siamo davvero felici". I pescatori sono stati liberati oggi dopo oltre 100 giorni di prigionia in Libia. La partenza da Bengasi è stata ritardata da problemi al motore di una delle due imbarcazioni.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza