cerca CERCA
Lunedì 14 Giugno 2021
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

piazza affari

Borsa: Wall Street apre in lieve rialzo, Dow +0,03%

La Borsa di Wall Street apre poco sopra la parità. Il Dow Jones nei primi scambi è in rialzo dello 0,03% a 31.028 punti. L'indice tecnologico Nasdaq è più deciso e segna +0,3% a 13.081 punti in avvio.

alternate text

L’ottava di Piazza Affari inizia con il segno meno

Avvio di settimana negativo per le borse europee. In mancanza di chiari catalizzatori, gli operatori in avvio di settimana hanno preferito la prudenza in attesa di novità dagli Stati Uniti (se il vicepresidente Mike Pence non avvierà le procedure per la rimozione di Trump, la Camera è pronta a mettere sotto accusa il presidente) e dal fronte contagi (quando la campagna vaccinale non è ancora entrata nel vivo).

alternate text

Milano azzera rialzo, scatto di Bper

La Borsa di Milano azzera i rialzi a fine seduta e chiude poco sopra la parità, con il Ftse Mib a 22.746 punti (+0,05%). Scatto di Bper, invece, che archivia gli scambi con un progresso del 6,18%. Bene anche Pirelli (+3,4%), Buzzi Unicem (+3,2%) e le altre banche. Banco Bpm (+3%) è tra i titoli più comprati. In coda al paniere principale, invece, c'è Recordati, che perde oltre il 3,7%.

alternate text

Borsa: Milano chiude piatta, bene Atlantia

Partite positive, le borse europee hanno progressivamente ridotto i guadagni in una seduta priva di spunti di rilievo. A Milano il Ftse Mib ha chiuso la seduta a 22.259,35 punti (-0,13%) mentre lo differenziale di rendimento tra i decennali italiani e quelli tedeschi è salito di quasi due punti percentuali a 109 punti. Questa mattina il Ministero dell’Economia ha collocato Bot semestrali per 6,5 miliardi di euro ricevendo richieste per 11,11 miliardi (tasso di copertura a 1,71 volte). Il rendimen...

alternate text

Borsa Milano sopra la parità, spread sotto 110 punti

Avvio di settimana in solido territorio positivo per le borse europee, spinte dal via libera di Trump al nuovo piano di aiuti, dall’inizio dei piani di vaccinazione e dall’accordo per l’uscita di Londra dall’UE. In particolare, quest’ultima notizia ha permesso all’indice tedesco di mettere a segno un nuovo massimo storico ed al paniere principale di Piazza Affari di salire a 22.288,52 punti, +0,71% rispetto al dato precedente.

alternate text

Ftse Mib rimbalza dopo il selloff di ieri

Seduta di recupero per le borse europee dopo le forti vendite innescate ieri dalla variante inglese al Covid-19. A favorire la risalita dei listini ci ha pensato anche l’approvazione del nuovo piano di aiuti da 900 miliardi di dollari negli Stati Uniti. A Milano, dove il Ftse Mib si è fermato nei pressi dei massimi intraday a 21.844,33 punti (+2,03%), spiccano le performance dell’accoppiata formata da Exor ed FCA, salite rispettivamente del 5,18 e del 2,44%, all’indomani del via libera delle auto...

alternate text

L’ottava del Ftse Mib inizia con il segno meno

Avvio di settimana all’insegna delle vendite per le borse europee, messe a tappeto dalla variante inglese del virus. La nuova versione del Covid, che presenta una capacità di diffusione più alta, ha spinto l'avversione al rischio e fatto passare in secondo piano le notizie in arrivo dagli Stati Uniti dove, dopo mesi di trattative, democratici e repubblicani hanno raggiunto l’accordo sul un piano espansivo da 900 miliardi di dollari.

alternate text

Ftse Mib debole, spread in aumento

Dopo una prima parte sopra la parità, le borse europee hanno terminato la settimana all’insegna della prudenza. In attesa dell’approvazione del famigerato piano di aiuti fiscali negli Stati Uniti, a ridurre l’appetito per il rischio ci hanno pensato i rumor relativi le nuove tensioni sull’asse Washington-Pechino. Secondo indiscrezioni, l’amministrazione statunitense starebbe per annunciare nuove misure contro aziende cinesi.

alternate text

Ftse Mib chiude sopra quota 22 mila punti

L’esito della riunione della Federal Reserve, che ha allungato il piano di allentamento quantitativo, l’attesa per l’avvio del piano di vaccinazioni in Europa (che inizierà il 27 dicembre) e per nuovi stimoli fiscali negli Stati Uniti hanno permesso ai listini europei di chiudere con il segno più.

alternate text

Ftse Mib in rialzo, spread ai minimi dal 2016

Borse europee in positivo in attesa del meeting della Federal Reserve. Con la conferenza in calendario questa sera alle 20:30 italiane terminerà la due giorni di riunioni di Fomc, il braccio operativo della Banca centrale Usa. Alla luce del fatto che le trattative in vista di un nuovo piano di rilancio fiscale sembrerebbero particolarmente laboriose, l’istituto centrale potrebbe decidere di incrementare gli acquisti di titoli, viste anche le indicazioni in arrivo dall’economia reale.

alternate text

Borsa: Piazza Affari chiude positiva, Pirelli in controtendenza

Seduta altalenante per le borse europee che, dopo aver pagato pegno ai dati relativi l’incremento dei contagi e dei lockdown, nella seconda parte sono state spinte dall’annuncio che il via libera al vaccino da parte dell’EMA, l'agenzia europea per i medicinali, potrebbe arrivare prima di Natale. L’agenzia ha fatto sapere che il meeting è stato anticipato dal 29 al 21 dicembre "dopo aver ricevuto nuovi dati" da Pfizer e da BioNTech.

alternate text

Borsa: Piazza Affari chiude in positivo

Il nuovo piano fiscale negli Stati Uniti e i rialzi registrati nel comparto bancario hanno permesso alle borse europee di chiudere la prima seduta della settimana in deciso rialzo.

alternate text

Borsa: Leonardo e Telecom Italia spingono al ribasso Piazza Affari

Chiusura di settimana con il segno meno per le borse europee, penalizzate dal nodo Brexit, dall’incremento dei contagi in Germania e dai ritardi registrati dal vaccino Sanofi-Gsk. A Milano l’indice delle blue chip ha terminato la settimana a 21.702,16 punti, -0,97% rispetto al dato precedente, mentre lo spread tra i decennali del nostro Paese e quelli tedeschi ha segnato un +2,8% portandosi a 116 punti base.

alternate text

Borsa: Milano chiude piatta nel gran giorno della Bce

Come da copione, nella riunione di oggi della Banca centrale europea l’istituto guidato da Christine Lagarde ha confermato il costo del denaro e potenziato gli stimoli alle economie di Eurolandia. In particolare, spicca l’aumento di 500 a 1.850 miliardi di euro degli acquisti di titoli del programma Pepp, che sarà prolungato di nove mesi almeno fino a marzo 2022, e la proroga della terza tranche di Tltro, le operazioni di liquidità di lunga durata, con condizioni più favorevoli e durata che passa...

alternate text

Borsa: Piazza Affari poco mossa, vendite sulle utilities

Chiusura all’insegna della debolezza per le borse europee, ancora penalizzate dalle prese di beneficio dopo un novembre da record. Nell’ultima parte il paniere principale di Piazza Affari, il Ftse Mib, ha risalito china terminando di poco sopra la soglia dei 22 mila punti (22.007,4, +0,16%) mentre lo spread tra i decennali italiani e quelli emessi dal Tesoro tedesco ha segnato una contrazione di poco inferiore al punto percentuale portandosi a 112 punti base.

alternate text

Borsa: Piazza Affari positiva, ma pesa performance di Unicredit

Dopo il rialzo di oltre 20 punti percentuali registrato a novembre, anche il mese di dicembre inizia in positivo per il Ftse Mib. A spingere le piazze sono gli aggiornamenti relativi ai vaccini: Pfizer e Biontech hanno presentato la richiesta di autorizzazione all’Ema, l’Agenzia europea per i medicinali, mentre Astrazeneca ha annunciato che in 7 giorni verranno presentati i dati per l’approvazione.

alternate text

Borsa: Piazza Affari chiude debole, realizzi su banche e comparto oil

In assenza del faro rappresentato da Wall Street, chiusa in occasione della festività del Ringraziamento, le borse europee hanno chiuso la seduta all’insegna della debolezza. A Milano, dove il Ftse Mib ha terminato a 22.201,44 punti, -0,46% sul dato precedente, spiccano le prese di beneficio sul comparto bancario: BPER ha chiuso con un -2,59%, UniCredit ha segnato un -2,6% e Banco BPM è scesa dell’1,62%.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza