cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 19:53
Temi caldi

servizio pubblico

alternate text

Laganà: "Giusto grido allarme Fuortes su risorse Rai, non implica sacrificio per cittadini"

"Chiara e didattica l’illustrazione dell’Ad ieri in Vigilanza. Un ultimo e condivisibile grido di allarme che consegna responsabilità al Parlamento sul futuro del servizio pubblico Rai. Nelle proposte illustrate non ci sono in alcun modo richieste di ulteriori sacrifici ai cittadini, si chiede solo di sanare un vulnus unico in Europa e nei servizi pubblici: la sottrazione di risorse pubbliche riscosse in bolletta e utilizzate per altri scopi diversi dal finanziamento del servizio pubblico. Il can...

Il direttore di Villa Adriana: "Bene capienza al 100%, musei bene essenziale"

"Sono molto soddisfatto di questa decisione anche perché i musei sono a tutti gli effetti un servizio pubblico, un bene essenziale. Per noi era una decisione auspicata dall'inizio della pandemia perché significava dare un servizio di benessere in un momento di grande tensione non solo psicologica ma anche fisica. Siccome siamo dei luoghi immersivi siamo ben felici di questa decisione". Lo dice all'AdnKronos Andrea Bruciati, direttore di Villa Adriana e Villa d'Este a Tivoli, commentando il parere...

alternate text

Santanchè contro Tg1: "Pilotato, Tg3 unico a dare informazioni trasparenti"

“È inammissibile come Tg1 non dia una informazione trasparente ai cittadini. Sulla vicenda Tridico, sono stati “sprecati” solo 5 miseri secondi, insabbiando totalmente le critiche di alcuni parlamentari pentastellati, hanno mandato in onda un servizio propagandistico del Premier Conte, ma non l’unica vera notizia data dal Presidente del Consiglio, l’abolizione di Quota 100. A differenza di Tg1, il Tg3 delle 19 è stato trasparente, non è possibile che i cittadini italiani debbano pagare il canone ...

alternate text

Besseghini (Arera): "Covid ha aggiunto sfide a nostro impegno regolatorio"

Nel 2019 Arera aveva formulato "un importante obiettivo" ovvero "l’impegno a sviluppare una regolazione in grado di contribuire alla riduzione dei divari territoriali che nel nostro Paese, purtroppo, caratterizzano l’accesso ai servizi pubblici. L’emergenza COVID19 ha aggiunto nuove sfide a quell’obiettivo" ma "i servizi di pubblica utilità che questa Autorità regola e che hanno garantito la continuità della vita sociale durante la fase di lockdown, sono (e saranno) il fulcro della ripresa delle ...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza