cerca CERCA
Martedì 04 Ottobre 2022
Aggiornato: 08:15
Temi caldi

spese militari

alternate text

Spese militari, ex ministra Trenta: "Comprendo Conte, ma da ex premier pensi a paese sicuro"

"Dal punto di vista politico comprendo che Giuseppe Conte voglia rappresentare una parte importante del proprio elettorato che è contraria alle spese militari e che invece è preoccupata da questioni apparentemente più gravi come quelle dell’aumento dell’inflazione, della chiusura delle imprese e della perdita del lavoro. Dal punto di vista dell’ex Presidente del Consiglio invece penso che sarebbe preferibile spiegare ai propri elettori perché oggi, ancora più di ieri, sia importante mettere al si...

Difesa: Campagna (M5S), 'giusto aumento spese militari, rispettare impegno Nato'

"Nessun passo indietro" del M5S sul tema delle spese militari, rimarca il leader pentastellato Giuseppe Conte ribadendo la posizione del suo partito. Ma all'interno dello stesso Movimento 5 Stelle c'è chi non vede di cattivo occhio la prospettiva di un incremento degli investimenti nel settore della difesa. Anzi. "Il discorso è questo", spiega all'Adnkronos la senatrice M5S Antonella Campagna, componente della Commissione difesa di Palazzo Madama. "E' fuori discussione, lo sappiamo, che nel 2014 ...

alternate text

Gen. Camporini: "dietrofront Conte su spese militari? Posizioni demagogiche per guadagnare voti"

"L'impegno alla spesa del 2% alla Difesa risale all'estate del 2014, liberamente preso dal nostro governo nei confronti dell'Alleanza al vertice di Cardiff, e ribadito a ogni vertice della Nato. Il tema è tornato di prepotente attualità in questi giorni, visto quello che sta accadendo e vista la constatazione che in certe circostanza, di fronte ad atteggiamenti aggressivi della Russia, occorre avere quantomeno le capacità che servono per scoraggiare (perché lo scopo delle forze armate non è quell...

**Difesa: ex ministra Trenta, 'da Conte solo mossa politica, ma elettori vanno guidati'**

"Il primo governo Conte ha dichiarato che l'Italia avrebbe mantenuto l'obiettivo, chiesto dalla Nato, di portare la spesa militare al 2% del Pil ma che lo avrebbe fatto con progressività. Conte poi - non ricordo esattamente in quale data - ha riconfermato l'obiettivo: l'Italia non ha mai dichiarato di non attenersi a quel target e di fatto c'è stata sempre una elasticità della Nato nei confronti dell'Italia, di fronte a un impegno molto grande in termini di contribuzione". Lo dice, interpellata d...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza