cerca CERCA
Lunedì 21 Giugno 2021
Aggiornato: 00:15
Temi caldi

stupro milano

alternate text

Caso Genovese, vittima 18enne: "Alla festa l'inferno, ho avuto paura di morire"

“In questi giorni dopo che è uscita la notizia del suo arresto ho cominciato a leggere tante cose, i miei ricordi si sono fatti sempre più precisi. E la cosa che mi fa più male in questi giorni è sentire i commenti di queste persone che cercano di darmi una colpa o di giustificare quello che mi è stato fatto. Quello che ho vissuto io, quelle ore di paura non si possono neanche immaginare. Ho avuto paura di morire, ho rischiato di morire. Ho avuto paura di non poter rivedere più la mia mamma, il m...

alternate text

Caso Genovese, legale 18enne: "Andata a una festa, ha trovato l'inferno"

Dopo gli abusi subiti la notte del 10 ottobre, "prigioniera" per quasi ventiquattro ore nella camera padronale di Alberto Maria Genovese, ora i servizi televisivi, i giornali, le trasmissioni: tutti parlano di quello che è successo a Terrazza sentimento, il superattico con vista Duomo del "mago delle startup" in carcere dal 6 novembre, dei festini, delle violenze. E intanto non manca chi l'accusa, chi le punta il dito contro. La diciottenne che sarebbe stata abusata nei festini organizzati da Gen...

alternate text

Milano, ventenne denuncia stupro al parco

Una ragazza di 20 anni ha raccontato di essere stata violentata al Parco Nord, tra Bresso e Milano, nella notte tra sabato e domenica scorsi. La giovane, dopo aver chiamato i soccorsi, è stata soccorsa e sarebbe stata trasportata alla clinica Mangiagalli. La 20enne al momento dei fatti era in stato di ebbrezza e, stando a quando si apprende, in passato sarebbe stata in cura al Sert per alcolismo. Sulla vicenda indagano i carabinieri.

alternate text

Boldrini: "Donna disinvolta? Sentenza da Medioevo su stupro"

"Io trovo sconcertante che sia stata ridotta la pena di un uomo perché la donna viene considerata 'disinvolta'. C'è da chiedersi se in certe aule di tribunale sia mai arrivata la conoscenza della convenzione di Istanbul e di altre leggi. Perché in questo caso, praticamente, è la donna, ovvero la vittima, a finire sul banco degli imputati. Non esiste scusante al mondo per uno stupro e non esiste, ancor di più, come scusante, il fatto che una donna sia 'disinvolta'. E' uno vero e proprio pregiudizi...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza