cerca CERCA
Sabato 06 Marzo 2021
Aggiornato: 02:14
Temi caldi

terapia

alternate text

Fibromialgia, un instant book gratuito su diagnosi e terapie

Colpisce circa 2 milioni di italiani, ma ad oggi è ancora poco conosciuta. La sua diagnosi avviene con difficoltà e spesso in ritardo. E' la fibromialgia, patologia che letteralmente significa dolore nei muscoli e nelle strutture connettivali fibrose (i legamenti e i tendini). Ad essa è dedicato l’instant book realizzato da Aisf-Odv, Associazione italiana Sindrome fibromialgica (Aisf), che rappresenta e assiste i pazienti colpiti, di cui 3 su 4 sono donne.

alternate text

Tumori: terapie Car-T in Italia, presentato report 'aperto' su sviluppo innovazione

Un report 'aperto' che delinea lo scenario delle terapie onco-ematologiche personalizzate in Italia aggiornandosi in maniera continua. È l'ambizione dell’ebook 'Le terapie Car-T, dal laboratorio al paziente", scaricabile dal sito di Osservatorio terapie avanzate - presentato oggi in streaming - che si inscrive nel progetto 'Cell Therapy Open Source'. L'iniziativa, nasce dalla collaborazione di Gilead Sciences e Osservatorio terapie avanzate, e ha l’obiettivo di creare un documento di discussione ...

alternate text

Anemia falciforme, ok Ue a prima terapia che previene 'crisi dolorose'

Via libera della Commissione europea a crizanlizumab (Adakveo*, Novartis), la prima terapia mirata alla prevenzione delle crisi vaso-occlusive ricorrenti (Voc) o 'crisi dolorose' nei pazienti con anemia falciforme a partire dai 16 anni di età. Il farmaco può essere somministrato come terapia aggiuntiva a idrossiurea/idrossicarbamide (Hu/Hc), o come monoterapia nei pazienti per i quali Hu/Hc è inappropriata o inadeguata. (Video)

alternate text

Aids: indagine, pazienti chiedono migliore qualità vita e terapie più tollerabili

Oggi le terapie funzionano e le persone con Hiv ne sono generalmente soddisfatte (73%) e solo il 31% degli intervistati non vede spazi di miglioramento. Ben il 56% ha cambiato la terapia anti-Hiv per gli effetti collaterali, il 35% per ridurre il numero di compresse e il 29% per ridurre il numero di farmaci. Tra gli spazi di miglioramento, il 17% vuole "dimenticarsi della malattia", un bisogno che trova riscontro nel panorama futuro delle terapie contro il virus. E' quanto emerge dai risultati de...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza