cerca CERCA
Sabato 25 Settembre 2021
Aggiornato: 23:38
Temi caldi

tragedia mottarone

Tragedia Mottarone: fermati rispondono di rimozione dolosa sicurezza impianto

Le tre persone fermate, tra cui il gestore dell’impianto della funivia del Mottarone, devono rispondere di "Rimozione od omissione dolosa di cautele" previsto dell’articolo 437 del codice penale che punisce chi "omette di collocare impianti, apparecchi o segnali destinati a prevenire disastri o infortuni sul lavoro, ovvero li rimuove o li danneggia". Ipotesi aggravata "se dal fatto deriva un disastro". Lo spiega il procuratore di Verbania Olimpia Bossi a capo dell’inchiesta sulla cabina precipita...

Tragedia Mottarone: procuratore, ‘quadro fortemente indiziario, fermati vanno in carcere’

Contro i tre fermati c’è un quadro "fortemente indiziario". Lo afferma il procuratore capo di Verbania, a capo dell’inchiesta sulla tragedia del Mottarone, che ha disposto il carcere per il gestore dell’impianto della funivia del Mottarone, un ingegnere e un capo del servizio dell’impianto "persone che avevano un ruolo giuridico ed economico, cioè prendevano decisioni".

Tragedia Mottarone: procuratore, sconcertati, impianto sarebbe dovuto rimanere fermo’

Un comportamento “consapevole e sconcertante” perché i tre fermati avrebbero avuto consapevolezza del malfunzionamento dell’impianto frenante e per “evitare continui disservizi e blocchi” hanno preferito per settimane continuare a mettere a rischio i passeggeri, coscienti che l’”anomalia necessitava di un intervento più radicale, di un blocco più consistente” dell’impianto. Lo afferma il procuratore di Verbania Olimpia Bossi che indaga suo disastro del Mottarone.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza