cerca CERCA
Domenica 28 Novembre 2021
Aggiornato: 07:32
Temi caldi

ultime notizie Recovery

alternate text

Franco: "Ok Ue a piano Recovery la settimana prossima"

Il via libera della Commissione Europea al piano nazionale di ripresa e di resilienza (Pnrr) dell'Italia "la settimana prossima", probabilmente martedì 22 giugno in coincidenza con la visita a Roma della presidente Ursula von der Leyen; l'approvazione definitiva da parte del Consiglio probabilmente nell'Ecofin del 13 luglio e l'erogazione del prefinanziamento nella misura del 13% delle somme previste per il piano entro luglio. E' il calendario, ancora non certo al 100% ma quasi, del piano italian...

alternate text

Gentiloni: "Recovery, su piano Italia discussioni ma non accese"

Nella Commissione Europea ci sono "discussioni" sul piano nazionale di ripresa e di resilienza dell'Italia, ma non "accese", dato che passerà per procedura scritta. Lo spiega a Lussemburgo, a margine dell'Ecofin, il commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni, a pochi giorni dall'atteso via libera al Pnrr del nostro Paese, primo beneficiario di Next Generation Eu, o Recovery Plan.

alternate text

Benifei (Pd): "Rispetteremo i tempi sul Recovery Plan"

"Non ci saranno particolari ritardi" nell'iter per il lancio di Next Generation Eu, il piano Ue per la ripresa, perché "tutti hanno da guadagnarci", anche i Paesi Frugali, che hanno ottenuto "una continuità dei rebates", i cospicui sconti ai contributi al bilancio comunitario, eredi del 'rebate' britannico ottenuto a suo tempo da Margaret Thatcher. Lo prevede il capodelegazione del Pd nel Parlamento Europeo, Brando Benifei, a Bruxelles.

alternate text

Provenzano: "Almeno 34% fondi Recovery al Sud"

Per quanto riguarda le risorse del Recovery Fund, la legge italiana "impone che almeno il 34% degli investimenti pubblici devono essere destinati al Sud, in ossequio a un principio di riequilibrio territoriale delle risorse". Lo ha sottolineato il ministro per il Sud Giuseppe Provenzano, a margine di alcuni incontri istituzionali a Bruxelles.

alternate text

Sassoli: "Un'Europa forte aiuta i cittadini"

"Un'Europa più forte aiuta imprese e cittadini ad essere più forti". E "in fondo", con la risposta alla crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 costituita dall'Mff 2021-27, il Quadro finanziario pluriennale dell'Ue, e da Next Generation Eu, "stiamo creando un'assicurazione sulla vita per i nostri Paesi". Lo dice il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, a margine di una conferenza stampa a Bruxelles.

alternate text

Sassoli: "Sovranisti marginali, governi Ue all'altezza di sfide"

Dopo l'ok all'Mff 2021-27 e a Next Generation Eu, il punto di vista dei sovranisti, o nazionalisti, è diventato "davvero marginale", dato che i governi europei si sono dimostrati capaci di dare risposte "all'altezza" della sfida posta dalla crisi provocata dalla pandemia di Covid-19. Lo dice il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, a margine di una conferenza stampa a Bruxelles.

alternate text

Conte: "Recovery è per svolta verde, sì a condizionalità climatica"

L'Italia è "favorevole" a imporre nel pacchetto per la ripresa dalla crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 la condizione, fortemente voluta dalla Francia, che almeno il 30% delle spese sia destinato alla lotta contro il cambiamento climatico, perché il Recovery Plan serve a favorire la "svolta energetica e digitale, a favore delle nuove generazioni". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Bruxelles lasciando l'hotel dove si è riposato per qualche ora prima di riprendere il neg...

alternate text

Conte: "Su Recovery svolta nella notte"

Nella trattativa sul Recovery Plan e sull'Mff 2021-27, il Quadro finanziario pluriennale dell'Ue, c'è stata "una svolta" durante la notte scorsa, quando i Paesi del Sud, insieme a Francia e Germania, hanno assunto una posizione molto "più dura" nei confronti dei Paesi Frugali (Olanda, Austria, Danimarca e Svezia, spalleggiati dalla Finlandia). A spiegarlo è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Bruxelles lasciando l'hotel dove si è riposato per qualche ora prima di riprendere il negoziato...

alternate text

Conte: "Basta tergiversare, ora chiudiamo su Recovery"

Il negoziato sul Recovery Plan e sull'Mff 2021-2027, il Quadro finanziario pluriennale dell'Ue, è durato "vari giorni" e "adesso non dobbiamo più tergiversare, dobbiamo finalizzare". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Bruxelles lasciando l'hotel dove si è riposato per qualche ora prima di riprendere il negoziato in Consiglio Europeo, questa sera. "Lo dobbiamo ai nostri cittadini", aggiunge.

alternate text

Conte: "Recovery non va riempito di ostacoli, sennò è inutile"

C'è "un limite" che "non va superato" nei negoziati sul Recovery Plan e sull'Mff 2021-27. Il piano per la ripresa economica, per essere efficace, non deve essere riempito di "ostacoli" operativi. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Bruxelles lasciando l'hotel dove si è riposato per qualche ora prima di riprendere il negoziato in Consiglio Europeo, questa sera.

alternate text

Conte: "Svolta su Recovery, sono cautamente ottimista"

Questa notte nel Consiglio Europeo "c'è stata una svolta" nel negoziato sull'Mff 2021-27 e sul Recovery Plan. "Sono cautamente ottimista". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Bruxelles lasciando l'hotel dove si è riposato per qualche ora prima di riprendere il negoziato in Consiglio Europeo, questa sera.

alternate text

Conte: "E' impasse su Recovery, partita ancora aperta"

Nel negoziato sull'Mff 2021-27, il Quadro Finanziario Pluriennale dell'Ue, e sul Recovery Plan dopo due giorni di vertice è ancora "impasse". "Sì, assolutamente sì. La partita è ancora aperta", risponde il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, rientrando in hotel, a Bruxelles, dopo la seconda giornata di lavori del Consiglio Europeo, che riprenderà domenica 19 luglio.

alternate text

Conte: "Su Recovery Italia difende proposta Commissione"

L'Italia "è molto ambiziosa" nel negoziato sul Recovery Plan e sull'Mff 2021-27, il Quadro finanziario pluriennale dell'Ue, e difende, oltre ai propri "interessi", una proposta avanzata dalla Commissione Europea. Lo sottolinea il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, rientrando in hotel nella notte, alla fine della prima giornata di lavori del Consiglio Europeo, a Bruxelles.

alternate text

Conte: "Su Recovery c'è ancora da lavorare, restano divergenze"

"C'è ancora da lavorare" per arrivare ad un accordo sull'Mff 2021-27 e sul Recovery Plan, perché tra i capi di Stato e di governo dell'Ue "le divergenze ancora ci sono". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, rientrando in hotel nella notte, alla fine della prima giornata di lavori del Consiglio Europeo a Bruxelles.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza