cerca CERCA
Mercoledì 20 Ottobre 2021
Aggiornato: 04:45
Temi caldi

vitamina D

alternate text

Scienza&Salute: 'Vitamina D, ormoni, Covid-19 e differenze di genere'

'Vitamina D, ormoni, Covid-19 e differenze di genere' è il titolo dell'ultima puntata di oggi di 'BioMedical Report' la trasmissione scientifica coordinata dall'immunologo Mauro Minelli, responsabile per il Sud della Fondazione Italiana di Medicina Personalizzata. La rubrica online, punto di riferimento della divulgazione scientifica, ha integrato una visione articolata sotto il profilo immunologico, endocrinologico e ginecologico, grazie agli interventi di Andrea Fabbri, professore associato di ...

Giannini (Gibis), 'in primavera vitamina D bassa, serve per armare difese'

"La primavera è il momento in cui la vitamina D è per tutti più bassa, perché siamo più distanti dall'ultima esposizione al sole utile, tra agosto e settembre. Da lì in avanti infatti, il 'pieno di carburante' di questa vitamina, fatto in estate grazie al sole, si esaurisce. E' quindi proprio questo il periodo in cui la carenza è più evidente. E visto che c'è una relazione tra vitamina D è sistema immune è il momento di prestare attenzione. E, se è necessario, integrare anche per 'armare' il sist...

Covid e vitamina D

Milano, 13 Aprile 2021. In un mondo sconvolto dal Covid che ha puntato i riflettori sugli aspetti della salute è fondamentale preservare il proprio stato di forma. La vitamina D sembra giocare un ruolo chiave nella lotta ai virus e a dimostrarlo è stato uno studio condotto dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’Ospedale Sant’Andrea di Roma. I dati raccolti sono significativi, sebbene non sufficienti a dimostrare che effettivamente un adeguato livello di vitamina D possa mettere al riparo i pazi...

alternate text

Covid, al via studio per verificare se vitamina D protegge

Scienziati britannici stanno cercando volontari per prendere parte a una sperimentazione e vedere se l'assunzione di vitamina D può aiutare il sistema immunitario contro Covid. I volontari riceveranno delle pillole per posta da prendere ogni giorno per sei mesi, se un test pungidito mostrerà carenze di questa vitamina. Lo studio, condotto dai ricercatori della Queen Mary University di Londra e finanziato da Barts Charity, utilizzerà dosi più elevate di vitamina D rispetto ai normali integratori, ...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza