cerca CERCA
Domenica 25 Settembre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Taxi: sciopero sindacati 5-6 luglio, no resa stralcio ddl concorrenza

02 luglio 2022 | 14.43
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Nessun passo indietro, nessuna resa: serve solo lo stralcio dell'articolo 10 del ddl Concorrenza. E' un fronte comune, amplissimo, quello dei tassisti che oggi hanno confermato lo sciopero per il 5 e il 6 luglio prossimi e che martedì saranno in piazza della Repubblica a Roma per far sentire la propria voce. "Lo sciopero farà da spartiacque riguardo al destino dei tassisti. E' una risposta ferma e irremovibile indirizzata a chi pensa di svendere il nostro lavoro e la funzione di servizio pubblico che svolgiamo", si legge in una nota firmata dalle 14 associazioni di categoria, Usb-taxi - Uti - Ugl-taxi - Un'impresa - Fast Confsal - Satam - Tam --Claai - Unica Cgil Taxi - UilTrasporti --Uritaxi - Or.S.A.-Taxi -Federtaxi Cisal. Intanto prosegue la mediazione del governo: lunedì prossimo, 4 luglio, il viceministro Teresa Bellanova ha fissato due nuovi incontri al Mims con le rappresentanze sindacali dei tassisti e degli ncc per cercare una quadra sulla vertenza. Prima, alle 13, entrerà la rappresentanza dei tassisti, poi, alle 17, gli autoservizi pubblici non di linea, ncc.

Ma i sindacati ribadiscono: "come categoria non siamo disponibili a nessun passo indietro, a nessun tipo d'accordo, a nessuna resa e ci batteremo fino all'ultimo respiro, contro tutti quei parassiti che vorrebbero sottrarci il frutto della nostra fatica", ammoniscono in una nota unitaria. La risposta che le sigle si attendono in quei due giorni di sciopero, infatti dovrà "esser chiara e inequivocabile". "La Presidenza del Consiglio, la politica e tutti i soggetti coinvolti, dovranno sentire fin dentro i loro "rifugi" che i tassisti di tutta Italia sono pronti a battersi senza esitazioni per lo stralcio dell'articolo 10 del ddl Concorrenza", incalzano.

"Probabilmente anche in questa occasione la comunicazione asservita al potere dirà che siamo il "vecchio" contro la "modernità", che siamo dei privilegiati che ostacolano il mercato, e tutta un'altra serie di falsità, lo faranno anche in questa situazione, mentono sapendo di mentire. La realtà - proseguono le 14 sigle sindacali- è che la nostra battaglia è la lotta di 40.000 lavoratori contro la speculazione finanziaria, ma anche la difesa dell'utenza di un sevizio pubblico contro meccanismi come algoritmi e libero mercato che li andrebbero a strangolare nel momento del bisogno".

E al premier Mario Draghi mandano a dire: "gli incontri fatti con le multinazionali, così come la negazione del confronto con i lavoratori, e la sua intenzione di devastare il nostro lavoro, non rimarranno senza risposta, e in quelle 48 ore saranno i tassisti di tutta Italia a consegnargliela".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza