cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 00:28
Temi caldi

Tel Aviv la città più cara al mondo, Roma il crollo più forte

01 dicembre 2021 | 09.26
LETTURA: 2 minuti

La città israeliana supera Parigi nell'indagine del settimanale 'The Economist'. Ma il Worldwide Cost of Living Survey registra anche un crollo della nostra capitale che scende di ben 16 posizioni, dalla 32ma alla 48ma, per via anche delle ripercussioni del Covid.

alternate text
Il lungomare di Tel Aviv - (Ufficio Turismo Tel Aviv)

Non è più Parigi ma Tel Aviv la città più cara del mondo, mentre Roma fa registrare il calo più forte per via del crollo dei prezzi dell'abbigliamento e dei beni di prima necessità. A sancirlo l'indagine del settimanale 'The Economist' che ogni sei mesi elabora una serie di dati nel suo Worldwide Cost of Living Survey: alle spalle della metropoli israeliana si piazza proprio Parigi (a pari merito con Singapore), seguita da Zurigo, Hong Kong e New York. Ultima - nella classifica che esamina i costi di più di 200 prodotti e servizi in 173 paesi - la capitale siriana Damasco.

Rispetto alla precedente edizione Roma scende di ben 16 posizioni, dalla 32ma alla 48ma, piazzandosi poco davanti a Berlino, che si conferma come capitale 'a buon mercato', con un calo di otto posti al numero 50 che ne fa la più economica delle sei città tedesche elencate. Francoforte è la città tedesca più costosa e occupa il 19° posto. Se Roma fa registrare la discesa più forte in termini di posizioni (con un costo della vita di 77 punti, rispetto ai 100 di New York), il balzo più forte è quello di Tehran che con 81 punti (+19 punti) balza dalla 50ma alla 29ma posizione.

L'indagine di The Economist evidenzia l'impatto dell'inflazione sui costi della vita, per via dei rialzi causati dai problemi della catena di approvvigionamento e dalle misure legate al coronavirus che che hanno limitato la produzione e gli scambi commerciali. I costi di trasporto hanno registrato un forte aumento a causa dell'aumento dei prezzi del petrolio, ma incrementi significativi si registrano anche nella spesa per tempo libero, tabacco e igiene personale. Complessivamente il settimanale inglese registra il tasso di crescita dei prezzi più alto degli ultimi cinque anni, al 3,5% su base annua in valuta locale nel 2021, a fronte di un aumento di appena l'1,9% nel 2020 e 2,8% nel 2019.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza