cerca CERCA
Sabato 13 Agosto 2022
Aggiornato: 13:00
Temi caldi

Tentata estorsione, arrestato consigliere comunale Pdl di Pieve Emanuele

18 giugno 2016 | 13.25
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Foto Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Un consigliere comunale di Pieve Emanuele, comune dell'hinterland milanese, è stato arrestato per tentata estorsione ai danni di un giovane imprenditore della zona. Si tratta di Germano Orlando, eletto nel 2012. Con lui sono state arrestate altre due persone, parenti del politico. I tre sono stati fermati dai carabinieri del Nucleo investigativo di Milano mentre progettavano una spedizione punitiva contro l'imprenditore dal quale Orlando avrebbe preteso 5 milioni di euro per rapporti economici che il consigliere avrebbe avuto con il padre della vittima, deceduto poco tempo fa.

Le indagini che hanno portato all'arresto delle tre persone sono iniziate nell'estate dello scorso anno quando fu incendiato un furgone di un collaboratore dell'imprenditore. L'uomo denunciò l'episodio ai carabinieri che accertarono che l'incendio era stato un gesto di ritorsione perchè la vittima non voleva partecipare al credito vantato da Orlando.

Sull'ammontare della somma ingente vantata dal politico, i carabinieri stanno ancora facendo accertamenti per verificare se effettivamente l'importo fosse dovuto. Il figlio dell'imprenditore, infatti, afferma di non saperne nulla. Per i tre è stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip di Milano Chiara Valori. Un provvedimento emesso perchè, secondo gli inquirenti, i tre indagati avrebbero avuto l'intenzione di eseguire un'azione punitiva. In particolare, secondo gli investigatori, i tre avrebbero avuto intenzione di aggredire la loro vittima sotto casa.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza