cerca CERCA
Lunedì 01 Marzo 2021
Aggiornato: 15:08
Temi caldi

Salute: ecco la Therapy Climbing, in arrampicata per conoscere se stessi

14 maggio 2015 | 09.57
LETTURA: 5 minuti

Obiettivo: riscoprire il valore del fallimento per uscire dalla 'tirannia del vincente'. Parola degli psicoterapeuti che da tre anni svolgono questa attività a Roma, l'analista bioenergetico Marco Bruci, l'analista transazionale Chiara Scialanca e l'esperto di arrampicata Giorgio Tuscolano. Convinti dell'importanza di 'educare' all'esperienza del vuoto ambientale, esistenziale e affettivo (FOTO)

alternate text
Therapy Climbing
Roma, 14 mag. (AdnKronos)

Trovarsi appesi a quattro metri da terra, su una parete di arrampicata indoor, con le braccia esauste e le mani in una presa, il sudore che cola sugli occhi a un passo dall'obiettivo - il cosiddetto Top - senza riuscire a toccarlo per completare la prova e maledire la stanchezza ma sentirsi bene lo stesso.

Perché? "Perché il fallimento e la caduta sono valori da riscoprire, soprattutto nella nostra cultura, per uscire dalla richiesta tirannica di essere sempre vincenti". E' quanto raccontano all'Adnkronos due psicoterapeuti, l'analista bioenergetico Marco Bruci e l'analista transazionale Chiara Scialanca, che dal 2012 tengono a Roma una serie di incontri-sedute di Therapy Climbing assieme a Giorgio Tuscolano, arrampicatore laureato in scienze motorie. (FOTO)

Un'attività che può essere rivolta a chi già fa un percorso terapeutico ma anche a chi vuole partecipare 'spot' a giornate tematiche, dedicate ad ansia, paura o dipendenza affettiva, pur non avendo una psicoterapia in corso e non avendo mai arrampicato. Perché, afferma Scialanca, "uno degli aspetti stimolanti è legato all'esperienza di contatto con sé, indipendentemente dal livello di consapevolezza del 'bisogno' terapeutico".

L'idea di unire due attività apparentemente distanti - una molto fisica, l'altra totalmente mentale - nasce dalla convinzione che "l'arrampicata sportiva mette le persone in contatto con tematiche ricorrenti in psicoterapia come la regolazione delle proprie emozioni: paura, rabbia, impotenza, l'orientamento verso obiettivi, la gestione delle frustrazioni, l'autonomia e la dipendenza o la fiducia in sé e nell'altro" aggiunge.

Il rapporto tra 'contatto con la parete' e 'contatto con se stesso' rappresenta "il trampolino di lancio e il punto di partenza per la costruzione del modello terapeutico della Climbing Therapy - sottolinea l'Analista Transazionale - arrampicare è un'esperienza intima e primitiva".

"Intima - prosegue Scialanca - perché consente di esperire emozioni e sensazioni in modo amplificato su un obiettivo che possiamo metaforicamente ricondurre alla vita, fatta di obiettivi, passaggi difficili, blackout e successi o cadute. Primitiva perché le nostre origini stanno nel contatto con la natura, nella capacità di modellarci, così come dobbiamo fare accarezzando e aggrappandoci alla roccia".

Un percorso che mette in evidenza l'importanza di un''educazione' a sperimentare paura, vuoto, limiti. "La Climbing Therapy mira a recuperare il potere di riconoscere e gestire in modo accogliente la paura in tutte le sue sfumature, fino al panico. Il nostro lavoro - racconta - permette di dare senso e padronanza e quindi anche di 'educare' all'esperienza del vuoto ambientale, esistenziale, affettivo" .

Educazione al limite, da una parte. Riconoscimento dei messaggi del corpo, dall'altra. "Dobbiamo ritrovare quella comunicazione naturale con noi stessi - ricorda Marco Bruci - e quindi con il corpo. Una comunicazione che spesso viene interrotta durante i primi anni di vita a causa di eventi esterni (familiari, sociali, culturali). Dovremmo smettere di considerare mente e corpo come entità scisse e sentirle parti di una stessa unità, noi stessi".

In fondo, aggiunge lo psicoterapeuta, corpo, mente ed emotività 'parlano' un linguaggio che "appartiene a tutti, anche se in molti lo hanno 'dimenticato'. Per capirlo bisogna ridare fiducia e spazio alla propria parte sensibile, empatica e istintiva creando un'integrazione con la razionalità. E la Climbing Therapy - ma non sempre l'arrampicata sportiva - facilita questa integrazione in quanto, per procedere nella scalata e per raggiungere i propri obiettivi, porta la persona a contattare questi aspetti e a connetterli tutti, senza negare nessuna parte".

Un percorso, prosegue Bruci, che può essere "utile a tutti, un'esperienza che porta a conoscerci di più". E anche se, aggiunge Scialanca, "spesso si arriva in terapia in seguito a un evento doloroso, una separazione, un lutto, un licenziamento, o in presenza di sintomi invalidanti, come gli attacchi di panico, penso alla terapia come ad un'occasione per definire la propria vita in modo libero e attento, rispettoso di sé e degli altri".

Del resto, ricorda l'Analista Transazionale, citando le parole del 1961 dello psicologo canadese Eric Berne, "ognuno nasce principe o principessa ma esperienze negative precoci convincono alcune persone ad essere ranocchi. Gli obiettivi terapeutici tendono a curare e a guarire, che significa togliersi la pelle del ranocchio e riprendere nuovamente lo sviluppo interrotto del principe o della principessa".

In contatto con il proprio corpo. Perché, aggiunge Bruci ricordando lo statunitense Alexander Lowen, "ogni persona è il proprio corpo. Se voi siete il vostro corpo e il vostro corpo è voi, allora il corpo esprime chi siete. E' il vostro modo di essere nel mondo. Più il vostro corpo è vivo, più siete nel mondo". Affinché ognuno possa dire: ci sono, sono io, sono qui, ora.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza