cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 22:21
Temi caldi

Thyssen, pene ridotte per i sei imputati. I parenti delle vittime: "Vergognatevi"

29 maggio 2015 | 15.54
LETTURA: 3 minuti

Condannato a nove anni e otto mesi in appello l'ex ad. Il rogo nel dicembre 2007 costò la vita a sette operai a Torino

alternate text
A ThyssenKrupp logo is pictured at the headquarters of the company in Essen, Germany, 10 December 2012. ThyssenKrupp have assembled a 5 billion Euro loss in the past accounting year, according to a statement by the company from 10 December. Photo: Daniel Naupold - Infophoto - INFOPHOTO

Lievi riduzioni di pena per i sei imputati per il rogo che nel dicembre 2007 costò la vita a sette operai dello stabilimento Thyssenkrupp di Torino. La corte d'assise di appello, chiamata dalla Cassazione a rideterminare le pene, ha condannato l'ad Harald Espenhahn a 9 anni e 8 mesi di carcere invece dei 10 anni della prima sentenza di secondo grado.

Condannati invece a 6 anni e 10 mesi gli ex dirigenti Gerald Priegnitz e Marco Pucci (erano stati 7) e 7 anni e 2 mesi (invece di 8 e mezzo) per l'allora direttore dello stabilimento, Raffaele Salerno. E ancora pena di 7 anni e 6 mesi per Daniele Moroni (nel primo appello condannato a 9 anni) e 6 anni e 8 mesi (invece di 8), per l'allora responsabile della sicurezza, Cosimo Cafueri.

"Ci aspettavamo una riduzione più consistente, purtroppo invece è quasi impercettibile", ha detto l'avvocato Ezio Audisio, legale di Espenhahn. "Leggeremo le motivazioni della sentenza - ha proseguito l'avvocato Audisio - e capiremo se c'è possibilità di un nuovo appello in Cassazione".

Dopo la lettura della nuova sentenza rabbia e frustrazione per i parenti delle sette vittime: "Vogliamo sapere quando questa gente andrà in galera". "Ce la facciamo andare per ora, ma il rischio è che piano piano le pene non ci saranno più'" dice Laura Rodinò, sorella di Rosario. "Vergognatevi" hanno urlato verso gli avvocati degli imputati. Qualcuno considera "poteva andare peggio", e resta la paura di un nuovo passaggio della sentenza in Cassazione.

"Resta il rammarico che su quattro sentenze ogni volta abbiano tolto un pezzettino di pena", dice Antonio Boccuzzi, unico operaio sopravvissuto al rogo. Alla lettura della sentenza nel nuovo appello, oggi a Torino, Boccuzzi insieme alle famiglie delle vittime non ha trattenuto la commozione per il ricordo di quel giorno e dei colleghi che non ci sono più. "Ancora oggi, a distanza di sette anni e mezzo - spiega - ci chiediamo perché l'omicidio volontario con il dolo eventuale (contestato in primo grado dal pm Raffaele Guariniello ndr) sia un reato che non può essere riconosciuto in questo processo, come invece lo è stato in altri".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza