cerca CERCA
Martedì 28 Settembre 2021
Aggiornato: 03:31
Temi caldi

Tokyo 2020, Timanovskaya è "al sicuro": non torna in Bielorussia

02 agosto 2021 | 10.36
LETTURA: 1 minuti

La velocista ha criticato i dirigenti: doveva rientrare in patria, rimane in Giappone

alternate text
(Fotogramma)

L'atleta bielorussa Kristina Timanovskaya è "al sicuro" dopo un presunto tentativo di rapimento. Lo ha detto il Comitato Olimpico Internazionale (Cio). L'opposizione bielorussa domenica ha accusato le autorità di Minsk di aver tentato di rapire l'atleta a Tokyo e di costringerla a rientrare in patria. Il portavoce del Cio, Mark Adams, ha dichiarato che ha trascorso la notte in un hotel all'aeroporto Haneda di Tokyo in un "ambiente sicuro".

L'atleta, riferisce l'emittente nipponica Nhk, è arrivata all'ambasciata della Polonia a Tokyo. Il ministero degli Esteri polacco aveva confermato nelle scorse ore la disponibilità ad "aiutare" Tsimanovskaya, chiarendo l'offerta di "un visto umanitario" per l'atleta, "libera di proseguire la sua carriera sportiva in Polonia se lo desidera".

Timanovskaya è stata intercettata all'aeroporto mentre si apprestava a partire con un gruppo di connazionali. L'atleta si sarebbe rivolta alla polizia giapponese.

Timanovskaya avrebbe dovuto scendere in pista oggi per le prime batterie dei 200 metri. Il Comitato olimpico bielorusso ha annunciato che la velocista non avrebbe gareggiato a causa della sua "condizione emotivo-psicologica". Timanovskaya ha smentito la versione ufficiale con un post su Instagram e all'emittente Euradio ha denunciato apertamente: "Mi hanno appena detto di fare le valigie e volare a casa". I media indipendenti bielorussi hanno riferito che la 24enne è stata portata all'aeroporto dopo aver espresso commenti critici sui funzionari sportivi bielorussi a Tokyo. All'aeroporto, però, l'atleta si è rivolta alla polizia bloccando di fatto il rientro in patria.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza