cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 15:26
Temi caldi

Tolleranza zero in Vaticano: "Basta strumentalizzare immagine del Papa"

22 febbraio 2017 | 13.06
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Afp)

La Segreteria di Stato vaticana "effettuerà sistematiche attività di sorveglianza volte a monitorare le modalità con cui l’immagine del Santo Padre e gli stemmi della Santa Sede vengono utilizzati, intervenendo all’occorrenza con opportuni provvedimenti". Lo rende nota la Segreteria di Stato in una nota nella quale promette tolleranza zero nei confronti di chi strumentalizza l'immagine del Pontefice.

"La Segreteria di Stato, - spiega la nota - tra i suoi compiti, ha anche quello di tutelare l'immagine del Santo Padre, affinché il suo messaggio possa giungere ai fedeli integro e la Sua persona non venga strumentalizzata". Dunque, "per rendere la propria azione di tutela sempre più efficace rispetto agli scopi indicati, e interrompere situazioni di illegalità eventualmente riscontrate, la Segreteria di Stato - sottolinea la nota - effettuerà sistematiche attività di sorveglianza volte a monitorare le modalità con cui l’immagine del Santo Padre e gli stemmi della Santa Sede vengono utilizzati, intervenendo all’occorrenza con opportuni provvedimenti".

La Segreteria di Stato vaticana, tra le sue funzioni, "tutela i simboli e gli stemmi ufficiali della Santa Sede, attraverso appositi strumenti normativi previsti a livello internazionale". Da qui la tolleranza zero "per rendere la propria azione di tutela sempre più efficace rispetto agli scopi indicati, e interrompere situazioni di illegalità eventualmente riscontrate".

La presa di posizione della segreteria di Stato della Santa Sede si spiega con il moltiplicarsi dei casi di abuso dell'immagine del Pontefice. Dai siti web ad utilizzi a scopo pubblicitario, imperversa oramai l'utilizzo strumentale dell'immagine del Papa.

Di recente il volto del Pontefice è apparso sui manifesti offensivi in vari quartieri della Capitale. L'immagine pop del Pontefice è stata anche oggetto di murales. Negli ultimi giorni è persino circolata una parodia della celebre 'That's Amore', anzi That's Amoris, parafrasando il documento post sinodale 'Amoris Laetitia' sul quale si è scatenata una battaglia dottrinale. Proprio per arginare questo genere di abusi dell'immagine del Papa, la Segreteria di Stato del Vaticano è scesa in campo sottolineando che "all'occorrenza" saranno presi "provvedimenti opportuni".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza