cerca CERCA
Sabato 31 Luglio 2021
Aggiornato: 16:29
Temi caldi

Tolo Tolo, il protagonista: "Ho raddoppiato i follower..."

02 gennaio 2020 | 14.46
LETTURA: 2 minuti

Maurizio Bousso, l'immigrato del film campione di incassi: "Per me un'esperienza bellissima. Zalone è colto e sensibile"

alternate text
Maurizio Bousso (Fotogramma)

"I miei follower sono aumentati, ora ne ho almeno 700 in più". Lo confessa ai microfoni di 'Non è un Paese per giovani' su Radio2, Maurizio Bousso tra i protagonisti di Tolo Tolo, il film di Checco Zalone che in 24 ore ha sfondato il record di incassi con 8 milioni 680mila euro.

L'immigrato del trailer che ha spinto milioni di persone al cinema aprendo il dibattito tra entusiasti e detrattori, è in realtà un romano "molto timido" che gira "con un cappellino" per la paura di essere riconosciuto. Maurizio non ci sperava più di fare il film. "Il provino l'avevo fatto a luglio 2018. Poi a marzo del 2019, ero andato negli Stati Uniti a trovare mio fratello e l'agente mi ha chiamato avvertendomi che dovevo partire subito perché Zalone mi voleva nel film. Per me è stata un'esperienza bellissima".

Checco Zalone, al secolo Luca Medici che questa volta ha firmato anche la regia, "l'ho sentito ieri, era teso perché c'è tanto lavoro dietro e tanta aspettativa. Luca è una persona sensibile, colta... Essendo un film molto difficile teneva tutto sotto controllo, non so come abbia fatto. Lui è attento al dettaglio, a ogni minima cosa. Avrà rivisto il film migliaia di volte".

Mentre Bousso ieri non è riuscito a vederlo al cinema. "Paradossalmente sono rimasto fuori - conclude - l'ho visto solo all'anteprima ma ci riproverò oggi o domani".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza