cerca CERCA
Giovedì 18 Agosto 2022
Aggiornato: 09:18
Temi caldi

Torino, 19 misure cautelari per disordini a Campus Einaudi

23 luglio 2020 | 10.48
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Sono 19 le misure cautelari eseguite nelle prime ore di oggi dalla polizia nei confronti di diversi militanti di Askatasuna, alcuni anarchici e studenti dei collettivi universitari, in relazione ai fatti dello scorso febbraio, quando, in occasione di un volantinaggio effettuato da esponenti del Fuan presso la Palazzina Einaudi, alcuni antagonisti e studenti dei collettivi universitari fecero irruzione all'interno del Campus, creando disordini.

Tutti sono responsabili, a vario titolo, dei reati di rapina, resistenza a pubblico ufficiale, minaccia ad incaricato di pubblico servizio, violenza privata e danneggiamento, aggravati. 

In particolare, la Digos, nell’ambito di un’attività di coordinamento della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione anche tramite le Digos di Trieste, Brescia, Udine e Cuneo, ha eseguito 3 misure cautelari di arresti nei confronti di tre referenti del ‘Cua’, di eta’ compresa tra i 23 e i 25 anni perché ritenuti i coordinatori delle azioni violente. Sette persone sono state raggiunte dal divieto di dimora a Torino e 9 dall’obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria. 

"Ringrazio le Forze dell'ordine che questa mattina hanno assicurato alla giustizia gli antagonisti che nel febbraio scorso devastarono l'università di Torino. Come Regione Piemonte abbiamo compiuto tutti i passi necessari affinché siano tolte le borse di studio ai violenti. Ora, però, auspichiamo dal Rettorato una posizione chiara e sanzioni disciplinari certe per arrivare alla revoca della borsa agli eventuali beneficiari coinvolti", afferma, in una nota, l’assessore agli Affari Legali della Regione Piemonte Maurizio Marrone.

"Basta tutele e premi nei confronti di chi devasta le nostre università - prosegue Marrone - non è accettabile anche solo l'idea di poter assegnare una borsa di studio a chi viene sottoposto a misure cautelari per aver assaltato un pacifico volantinaggio del Fuan, ferito forze dell’ordine, danneggiato una volante della Polizia e devastato l’aula intitolata a Paolo Borsellino. Tutte condotte gravissime dal punto di vista disciplinare e incompatibili con un beneficio economico, finanziato dalla Regione, per sostenere il diritto allo studio e riservato a studenti meritevoli, invece che a chi tratta l’Ateneo come un parco giochi dell’antagonismo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza