cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:07
Temi caldi

Tra chitarre e pittura cambia identikit dell'agri-turista

21 marzo 2014 | 15.44
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Roma, 21 mar. (Labitalia) - Cambia l'identikit dell'ospite agriturista. Mentre, da una parte, tiene lo 'zoccolo duro' della clientela di famiglie con bambini che cercano relax, cibi genuini e garantiti e contatto con la natura e gli animali, dall'altra crescono le prenotazioni di single che cercano nell'agriturismo benessere, arte e musica. E sono molti gli agriturismo che hanno scelto di dedicare gli ambienti comuni della struttura ad aree di lettura, in alcuni casi si mettono a disposizione degli ospiti strumenti musicali, in particolare chitarre e pianoforti. A rilevarlo Turismo Verde-Cia, l'associazione nazionale agrituristica della Cia-Confederazione italiana agricoltori, che promuove per domenica 23 marzo l'ottava edizione della 'Giornata nazionale dell'agriturismo'.

Si moltiplicano, in particolare nelle Marche, in Umbria e Toscana, le iniziative che avvicinano l'enogastronomia tipica e di qualità a diverse forme artistiche. La fattoria si trasforma in una galleria per pittori contemporanei o location naturale per sculture e installazioni di forme d'arte e in alcune realtà, come in Emilia Romagna, l'azienda diventa all'occasione una discoteca a cielo aperto e immersa nel verde dove i ragazzi mangiano e ballano senza recare disturbo ai vicini.

Poi, ci sono agriturismo che ospitano piccole mostre-mercato di monili, abbigliamento e oggetti d'artigianato e quelli che utilizzano l'agriturismo come 'campo base' per itinerari naturalistici o visite culturali.

Tutte idee per rendere più attrattivo l'agriturismo e far crescere così il reddito aziendale in tempo di crisi, anche con l'offerta di attività ludico-didattiche per i bambini e sociali per i disabili (per esempio l'ippoterapia), senza dimenticare il relax con i corsi di yoga e aree wellness come le migliori Spa.

Ma la principale attrattiva, il vero 'must' dell'agriturismo, rimane il buon cibo, la cui offerta è sempre più ricercata e variegata. Da qui nasce, ad esempio, il 'capriccino', la versione del cappuccino realizzato con latte di capra per soddisfare anche chi soffre di intolleranze alimentari. Ma anche i cioccolatini all'aglio e la crema di radicchio trevigiano per stuzzichini originali tra un pasto e l'altro o i dolcetti con la 'biblica' manna per gli amanti delle glassature.

Riassumendo i numeri connessi all'agriturismo -sottolinea Turismo Verde Cia- sono circa il 37% quelli che scoprono il 'loro' agriturismo da Internet; le offerte 'low-cost' sono cresciute del 30% nell'anno; l'80% degli ospiti ha un'età compresa tra i 28 e i 50 anni, ma il numero dei single è cresciuto di oltre il 5% negli ultimi 10 anni; oltre il 20% dei clienti chiede servizi legati al benessere e al 'wellness'; il 46% degli ospiti sceglie la vacanza in agriturismo per stare a contatto con la natura, il 39% per il cibo e il 15% per 'ricariche le pile' dopo un periodo di stress.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza