cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 15:24
Temi caldi

Trapianti di organi, crescono donazioni e interventi in Italia. Boom per rene e fegato

19 febbraio 2015 | 15.23
LETTURA: 4 minuti

In totale sono stati 2.976, ben 135 in più rispetto al 2013. Sostanzialmente stabili i trapianti di cuore. Sono i dati del Report 2014 dell'attività delle donazioni, presentato oggi a Roma dal Centro nazionale trapianti e dal ministero della Salute. Lorenzin: "Con il sì alla donazione nella carta identità 30mila donatori in più"

alternate text
(Infophoto)

Un anno positivo il 2014 per i trapianti di organi in Italia, con un totale di 2.976 interventi eseguiti, ben 135 in più rispetto al 2013. L'intera attività è in aumento, con alcune peculiarità: rene e fegato hanno registrato un incremento decisivo arrivando rispettivamente a 1.586 trapianti (85 in più rispetto al 2013) e 1.056 interventi (58 in più rispetto al 2013). Sostanzialmente stabili invece i trapianti di cuore che sono stati 226, solo 7 in più rispetto all'anno precedente, e in leggera diminuzione quelli di polmone, che sono stati 126, 15 in meno rispetto al 2013, anno straordinario in questo settore ma 12 in più rispetto al 2012.

Sono i dati del Report 2014 dell'attività delle donazioni, presentato oggi a Roma dal Centro nazionale trapianti e dal ministero della Salute, che hanno anche illustrato la campagna di comunicazione per la promozione della donazione di organi #unasceltacomune.

Anche l'attività di trapianto di rene da donatore vivente registra un dato positivo per il 2014 nell'intera rete trapiantologica: sono stati infatti 252 gli interventi, 26 in più rispetto al 2013 e 62 in più rispetto al 2012. Crescono nel 2014 anche i trapianti di tessuti in Italia, facendo registrare un aumento del 10,9%: ne sono stati effettuati 17.356 contro i 15.654 del 2013, +1.702 trapianti nel 2014. Tra i maggiori incrementi si collocano il trapianto di osso, 8.256 interventi nel 2014, e di cornea, 5.496 interventi nel 2014.

"Stiamo intervenendo per aumentare le donazioni. Da quando la campagna con i Comuni sul consenso alla donazione nella carta di identità è partita, lo scorso 6 novembre, siamo arrivati a 30mila donatori in più - ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin - E' un veicolo forte di comunicazione e spero che continuando così nell'anno riusciremo anche a coprire quella fascia di donatori che sono più idonei per alcuni organi, quindi i più giovani".

La campagna, avviata con l'Anci, prevede la possibilità di inserire attraverso l'anagrafe il consenso alla donazione. I Comuni già partiti nel 2014 erano 23. "Abbiamo avuto una risposta straordinaria. Siamo arrivati a 470 Comuni che hanno attivato o che stanno per attivare le procedure per cui il cittadino che lo desidera può registrare sulla sua carta d'identità la volontà di donare gli organi", ha detto Piero Fassino, presidente Anci.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza