cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 14:40
Temi caldi

Fecondazione: studio, trapianto ovaio efficace e sicuro

07 ottobre 2015 | 11.27
LETTURA: 3 minuti

alternate text
AINFOPHOTO - INFOPHOTO

Rimuovere il tessuto ovarico, conservarlo e poi trapiantarlo nelle stesse donne in un secondo momento: un sistema che ha una buona probabilità di successo nel portare a una gravidanza. Lo rivela un'analisi dei risultati raggiunti con il trapianto dell'ovaio, pubblicata su 'Human Reproduction': la metanalisi mostra che, in alcuni pazienti, il tessuto ovarico trapiantato può durare anche 10 anni. Inoltre, la procedura sembra comportare rischi limitati di un ritorno della malattia che aveva richiesto la rimozione del tessuto, solitamente un cancro.

A portare avanti lo studio Annette Jensen, del Laboratory of Reproductive Biology del Rigshospitalet di Copenhagen e colleghi, che hanno recensito i risultati di 41 donne danesi sottoposte a 53 trapianti di tessuto ovarico scongelato, seguite per 10 anni per valutare la funzione ovarica, la fertilità e la sicurezza della procedura. L'età media delle donne al momento del congelamento del tessuto era 29,8 anni, e l'età media in cui è stato eseguito il primo trapianto era 33. Delle 41 donne, 32 desideravano una gravidanza. Dieci (il 31%) l'hanno ottenuta e hanno avuto almeno un figlio (14 bambini in totale). In aggiunta, ci sono stati due aborti volontari e uno spontaneo. Otto bambini sono stati concepiti naturalmente in seguito al trapianto ovarico e 6 con l'aiuto della fecondazione in vitro.

"Per quanto ne sappiamo questo è il più grande gruppo di pazienti sottoposte a trapianto di tessuto ovarico raccolto in tutto il mondo, e questi risultati dimostrano che il tessuto innestato è efficace nel ripristinare la funzione ovarica in modo sicuro. Il tasso di gravidanza risulta di circa il 30%", dice Jensen. "Tuttavia, è importante che le donne che hanno ricevuto trapianto di tessuto ovarico continuino a essere seguite".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza