cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 10:51
Temi caldi

Tratta esseri umani, Papa: "All'opera potenti interessi economici e criminali"

07 novembre 2016 | 13.29
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp)

"Sono all'opera potenti interessi economici e reti criminose". E' quanto denuncia Papa Francesco, ricevendo in udienza nella sala Clementina del palazzo Apostolico in Vaticano i partecipanti all'assemblea della 'Renate', la Rete religiosa europea contro la tratta e lo sfruttamento degli esseri umani.

Il Pontefice definisce il fenomeno come "una delle più dolorose ferite aperte, una moderna forma di schiavitù che viola la dignità, dono di Dio, in tanti nostri fratelli e sorelle e costituisce un vero crimine contro l'umanità". Mentre "molto è stato fatto per conoscere la gravità e l’estensione del fenomeno", osserva, "molto di più resta da compiere per innalzare il livello di consapevolezza nell’opinione pubblica e per stabilire un migliore coordinamento di sforzi da parte dei governi, delle autorità giudiziarie, di quelle legislative e degli operatori sociali".

Il Papa esorta ad affrontare "una delle sfide a questo lavoro di sensibilizzazione, di educazione e di coordinamento" rappresentata da "una certa indifferenza e persino complicità, una tendenza da parte di molti a voltarsi dall’altra parte, mentre potenti interessi economici e reti criminose sono all’opera", incoraggiando ad "accrescere la coscienza sociale circa la dimensione di questa piaga, che colpisce specialmente le donne e i bambini", in "una delle grandi 'periferie' della nostra società contemporanea".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza