cerca CERCA
Giovedì 18 Agosto 2022
Aggiornato: 11:28
Temi caldi

Aleppo pronta per l'evacuazione, Onu: "Atrocità contro civili"

13 dicembre 2016 | 18.46
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(AFP PHOTO) - (AFP PHOTO)

L'ambasciatore russo all'Onu, Vitaly Churkin, ha confermato l'accordo tra il regime siriano e i ribelli sull'evacuazione di Aleppo Est. Parlando con la stampa, il diplomatico ha dichiarato che "è stata raggiunta un'intesa sul campo" in base alla quale "i combattenti lasceranno la città" di Aleppo. Dove, nella zona Est, ha annunciato l'ambasciatore, le operazioni militari sono terminate e le forze governative hanno ripreso il controllo delle ultime zone in mano ai ribelli.

Churkin ha aggiunto che "entro ore, forse" potrebbe iniziare l'evacuazione delle persone rimaste ancora nei quartieri Aleppo Est, quasi tutti tornati sotto il controllo del regime nelle ultime settimane.

L'accordo, ha sottolineato il diplomatico russo, permette ai combattenti di lasciare la città: "I civili possono restare, andare in luoghi più sicuri, usufruire degli aiuti umanitari che sono in campo. Nessuno metterà a repentaglio i civili".

Sono almeno 50mila le persone che si ritiene vivano intrappolate nei pochi quartieri di Aleppo Est che il regime non ha ancora strappato all'opposizione. Lo hanno reso noto alla Bbc fonti americane a conoscenza delle trattative sui corridoi umanitari per l'evacuazione. Altre fonti locali parlano invece di 100mila persone, tra le quali ci sarebbero numerosi abitanti dei quartieri recentemente riconquistati dall'esercito.

In mattinata il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, si era detto "allarmato" per le notizie di "atrocità contro un gran numero di civili, compresi donne e bambini, nelle ultime ore nella città siriana di Aleppo".

"L'Onu non è in grado di verificare in modo indipendente queste notizie, il segretario generale manifesta la sue profonda preoccupazione alle parti", ha aggiunto il portavoce Stephane Dujarric.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza