cerca CERCA
Martedì 30 Novembre 2021
Aggiornato: 13:17
Temi caldi

16enne nel pozzo, confessa l'amico

25 settembre 2018 | 16.41
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

Ha usato la pistola del padre per uccidere. Un 16enne ha confessato l'omicidio del coetaneo Giuseppe Balboni, scomparso dal 17 settembre scorso da Zocca nel modenese e ritrovato stamattina in fondo a un pozzo a Tiola di Castello di Serravalle nel bolognese. Il giovane, sottoposto a fermo di indiziato di delitto, è crollato durante un interrogatorio presso la procura dei Minori di Bologna. L'accusa è di omicidio. L'arma era legalmente detenuta dal genitore. Resta da chiarire ancora il movente dietro l'assassinio di Balboni.

La giovane vittima era uscita di casa otto giorni fa intorno alle 6.45 con il suo scooter rosso e non aveva più fatto ritorno. In un primo tempo le indagini di carabinieri e vigili del fuoco come riporta 'Chi l'ha visto' avevano portato a individuare il suo motorino a sette chilometri da casa, dietro a una fontanella, nascosto da arbusti e sterpaglie. Poco distante il casco e il giubbotto nero. Oggi la terribile scoperta.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza