cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 12:39
Temi caldi

Trump: "Armiamo gli insegnanti". Poi corregge il tiro

22 febbraio 2018 | 07.51
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Afp)

"Non ho mai detto 'date le armi agli insegnanti' come è stato detto sulle Fake News Cnn e Nbc". Donald Trump dedica la raffica mattutina di tweet al tema delle armi e si scaglia contro i media che, a suo avviso, hanno stravolto il significato delle parole che il presidente ha pronunciato ieri, durante l'incontro con una delegazione di studenti e genitori provenienti da Parkland, in Florida, dove è andata in scena l'ultima strage in una scuola costata la vita a 17 persone.

IPOTESI - "Quello che ho detto - afferma Trump - è di valutare la possibilità di dare armi, da portare non a vista, a insegnanti esperti di armi, con un passato militare o addestramento speciale - solo i migliori. Il 20% degli insegnanti, una percentuale rilevante, sarebbe in grado di rispondere immediatamente al fuoco se un pazzo entrasse a scuola con intenzioni minacciose".

"Gli insegnanti altamente preparati - prosegue The Donald - servirebbero come deterrente per i codardi che volessero fare una cosa del genere. Molte più risorse ad un costo inferiore rispetto a quello per le guardie. Una scuola priva di armi è una calamita per persone malintenzionate. Gli attacchi finirebbero!", è convinto il presidente.

"La storia - prosegue ancora Trump - mostra che una sparatoria in una scuola, in media, dura 3 minuti. La polizia e i soccorsi impiegano 5-8 minuti per arrivare sul luogo del delitto. Insegnanti o coach altamente preparati, esperti di armi, risolverebbero il problema all'istante, prima dell'arrivo della polizia. Un gran deterrente!".

"Se un potenziale aggressore armato squilibrato sa che una scuola ha a disposizione un numero elevato di insegnanti (e altre persone) in grado di usare le armi e pronti a sparare subito, il pazzo non attaccherà mai quella scuola. I vigliacchi non andranno lì, problema risolto. Bisogna essere aggressivi, la difesa da sola non funzionerà", afferma ancora.

ETA' E SALUTE MENTALE - "Spingerò con decisione per un globale sistema di controlli - dice riferendosi ai requisiti per l'acquisto di armi - con particolare attenzione alla salute mentale". Tra le misure, "alzare l'età a 21 anni e fermare la vendita dei Bump Stock", dice facendo riferimento ai dispositivi che trasformano in automatica un'arma legale. "Il Congresso è pronto finalmente a fare qualcosa su questo tema. Spero!", conclude

LO SCERIFFO - La proposta sugli insegnanti armati ha ricevuto l'immediata bocciatura dello sceriffo della contea di Broward. "Non credo che gli insegnanti debbano essere armati, credo che debbano insegnare" ha detto Steve Israel.

DIBATTITO - "Questo è esattamente quello che è sbagliato in questo Paese, abbiamo persone a Washington, deputati, senatori che dicono agli insegnanti quello che devono fare senza chiederlo a loro" ha continuato lo sceriffo, intervenuto al dibattito pubblico trasmesso la notte scorsa dalla Cnn da Tallahasse sulla questione delle armi, a cui hanno partecipato i ragazzi e i familiari delle vittime della scuola di Parkland.

RUBIO - Anche il senatore repubblicano Marco Rubio, che è stato attaccato durante il dibattito dagli studenti per i suoi legami con la Nra, la lobby delle armi, si è detto contrario all'idea di armare gli insegnanti, affermando che vi sono alcuni "problemi pratici".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza