cerca CERCA
Martedì 28 Giugno 2022
Aggiornato: 08:34
Temi caldi

Trump si toglie la maschera e promette di tagliare le tasse ai ricchi

29 settembre 2015 | 15.09
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Donald Trump (Infophoto) - INFOPHOTO

Dopo aver scalato i sondaggi repubblicani con la retorica populista, Donald Trump getta la maschera, e quando si parla di cose serie, cioè di soldi, il miliardario promette che da presidente taglierà le tasse a ricchi e corporation. Nel programma fiscale che il front runner ha presentato infatti, è prevista una semplificazione delle aliquote fiscali, che verranno ridotte da sette a quattro, ed il taglio delle tasse delle corporation al 15%.

Con il sistema di aliquote ideato da Trump tutti quelli che hanno un reddito superiore a 150mila dollari pagheranno il 25% di tasse, invece dell'attuale 39,5%. Ma verranno messi dei limiti alle spese detraibili per i redditi maggiori. Allo stesso tempo si prevede che non paghino tasse per niente tutti i redditi fino a 25mila dollari, 50mila per le coppie sposate.

Un messaggio chiaro che il Trump populista rivolge a quello che i sondaggi hanno mostrato essere il suo zoccolo duro elettorale, gli elettori con livelli più bassi di reddito e di istruzione. Saranno in tutto 73 milioni gli americani che non pagheranno tasse per niente.

In mezzo vi sono poi i redditi tra i 25mila e i 50mila dollari (il doppio per le coppie sposate) che avranno un'aliquota al 10% e quelli tra i 50mila e i 150mila che l'avranno al 20%. Ma la sforbiciata più consistente Trump la prevede sulle tasse alla corporation, che passeranno dal 35% al 15%. Una riduzione che costerebbe 2500 miliardi di dollari all'erario federale.

Insomma, propaganda elettorale a parte i ricchi sarebbero i veri beneficiari della riforma fiscale di Trump, anche perché eliminerebbe la tassa di successione ed una tassa introdotta dall'Obamacare sui capital gains e sui dividendi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza