cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 16:25
Temi caldi

Tumori: 50 anni di Asco, al via congresso Usa su successi ricerca

30 maggio 2014 | 12.28
LETTURA: 2 minuti

Roma, 30 mag. (Dall'inviata dell'Adnkronos Salute Adelisa Maio) - I passi avanti della ricerca contro i tumori al centro del congresso della Società americana di oncologia clinica (Asco), l'appuntamento più importante del settore, giunto alla cinquantesima edizione. Sono infatti passati 50 anni dal primo evento che nel novembre del 1964 riunì una cinquantina di medici. Oggi più di 25 mila specialisti da tutto il mondo sono arrivati a Chicago per prendere parte al congresso in corso fino al 3 giugno.

"Mai come quest'anno abbiamo motivo per sperare nella ricerca contro i tumori e nelle terapie - sottolinea il presidente dell'Asco, Clifford Hudis - Le sperimentazioni cliniche stanno mantenendo la promessa di rendere disponibili farmaci 'personalizzati', per i tumori più diffusi e per quelli rari. E noi medici stiamo trovando diversi modi, relativamente semplici da mettere in pratica, per migliorare la qualità di vita dei pazienti durante i trattamenti, oltre a comprendere sempre di più come i comportamenti sociali possono influire sulle terapie e sui risultati". Finalmente, secondo gli specialisti, la ricerca si sta ripagando.

Fra gli oltre 5 mila abstract presentati quest'anno, in cui il tema dominante è il rapporto fra "Scienza e società: i prossimi 50 anni", numerosi studi evidenziano i progressi della ricerca nella battaglia contro le neoplasie. Come i risultati di due nuovi farmaci 'a bersaglio' promettenti contro diversi tumori difficili da trattare, e il potenziamento delle linee guida americane sugli screening per il tumore del polmone che dovrebbe favorire la diagnosi precoce, anche se l'altra faccia della medaglia è l'aumento generale dei costi sanitari, con cui sempre più gli oncologi devono fare i conti. E ancora, altri studi fanno luce sulla 'relazione pericolosa' fra l'obesità e la mortalità per cancro del seno nelle giovani donne, o sulla possibilità di ritardare l'aggravio della terapia ormonale in alcuni pazienti con una recidiva di tumore della prostata.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza