cerca CERCA
Lunedì 03 Ottobre 2022
Aggiornato:
Temi caldi

Tumori: cancro terremoto su lavoro per 8 pazienti su 10, nasce 'Pro Job' (2)

12 maggio 2014 | 15.48
LETTURA: 3 minuti

(Adnkronos Salute) - "Secondo un sondaggio Piepoli-Aimac - spiega Francesco De Lorenzo, presidente dell'Aimac - il 91% delle persone malate vuole continuare a lavorare ed essere parte attiva della società. E' importante che Pro Job venga adottato dal maggior numero possibile di realtà imprenditoriali". Il progetto ha vinto il premio 'Sodalitas Social Innovation' ed è oggi al centro del convegno in Statale 'Lavorare durante e dopo il cancro', che apre gli eventi legati alla IX Giornata nazionale del malato oncologico (l'edizione di quest'anno sarà celebrata a Roma dal 16 al 18 maggio).

Nel 2013 in Italia si sono registrati 366 mila nuovi casi di tumore. E sono circa 700 mila le persone con diagnosi di cancro in età produttiva. "Pro Job - sottolinea Elisabetta Iannelli, segretario della Fondazione Insieme contro il cancro - mira a promuovere l'inclusione dei pazienti oncologici, a sensibilizzare i dirigenti perché creino condizioni ottimali nell'ambiente di lavoro, ad agevolare i dipendenti che hanno parenti colpiti da tumore a conservare l'impiego e a disincentivare il ricorso inadeguato a procedure per fronteggiare le difficoltà determinate dalla patologia". Evidenze scientifiche, aggiunge Francesco Cognetti, presidente di Insieme contro il cancro, "dimostrano che il lavoro aiuta a guarire e a seguire meglio i trattamenti, ma servono nuovi strumenti per non escludere i malati dal mondo produttivo. E' essenziale che il mondo delle imprese comprenda che i malati oncologici possono e devono lavorare, ma non necessariamente come prima della diagnosi".

L'azienda in grado di sviluppare il progetto Pro Job, conclude Michele Tiraboschi, professore di diritto del lavoro all'università di Modena e Reggio Emilia, "potrà valorizzare il proprio capitale umano permettendo, da un lato, ai dipendenti malati di cancro di recuperare parte del proprio benessere e di ritrovare velocemente motivazione, impegno e capacità produttiva, dall'altro ai familiari di continuare il lavoro, senza rinunciare all'assistenza del malato, avvalendosi del part time. Tutto ciò a beneficio sia del lavoratore che dell'azienda".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza