cerca CERCA
Giovedì 16 Settembre 2021
Aggiornato: 19:01
Temi caldi

Turchia, continua il pugno duro di Erdogan: arrestati accademici e ispettori bancari

19 agosto 2016 | 12.02
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp)

La procura della Turchia ha spiccato 84 mandati d'arresto per altrettanti accademici delle università di 17 province per sospetti legami con l'imam Fethullah Gulen, accusato dalle autorità di Ankara di essere la mente del tentato golpe del 15 luglio. Lo riferisce l'agenzia di stampa Dogan, spiegando che la polizia ha condotto l'operazione in 17 province, tra cui quella di Konya nell'Anatolia centrale, bastione dell'Akp.

Al momento sono stati arrestati 29 accademici. La maggior parte sono dell'Università di Selcuk University a Konya, compreso l'ex rettore Hakki Gokbel.

Le autorità di Ankara hanno inoltre arrestato 29 ispettori dell'Agenzia turca per la vigilanza e la regolamentazione delle banche (Bddk) accusati di ''indagini irregolari''. Lo rende noto l'emittente Ntv spiegando che le ''ispezioni irregolari'' sarebbero state commesse nei confronti di un ente parastatale e di uomini d'affari vicini al presidente Recep Tayyip Erdogan.

In Turchia sono circa 40mila le persone arrestate nell'ambito delle indagini sul tentato golpe del 15 luglio e per legami con l'imam Fethullah Gulen. Sono inoltre circa 80mila le persone rimosse dall'incarico pubblico nell'esercito, nel settore civile, nella polizia e nella magistratura.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza