cerca CERCA
Giovedì 20 Gennaio 2022
Aggiornato: 06:02
Temi caldi

Turchia: kamikaze Istanbul era vedova jihadista norvegese dell'Is

16 gennaio 2015 | 17.11
LETTURA: 3 minuti

La donna kamikaze che si è fatta esplodere lo scorso 6 gennaio a Istanbul era la vedova di un jihadista norvegese con il quale si era recata in Siria per unirsi allo Stato Islamico (Is). Lo rivela il quotidiano turco Hurriyet citando fonti di intelligence.

alternate text

La donna kamikaze che si è fatta esplodere lo scorso 6 gennaio a Istanbul era la vedova di un jihadista norvegese con il quale si era recata in Siria per unirsi allo Stato Islamico (Is). Lo rivela il quotidiano turco Hurriyet citando fonti di intelligence. Le autorità di Ankara non hanno ancora confermato l'identità dell'attentatrice, ma il giornale russo Kommersant ha identificato la kamikaze nella cecena Diana Ramazanova, 18enne, proveniente dal Daghestan nel Caucaso settentrionale. Il quotidiano Hurriyet ha spiegato che il marito era un cittadino norvegese di origini cecene, Abu Aluevitsj Edelbijev. I due si erano sposati con cerimonia religiosa nel 2014.

Nel luglio 2014 la coppia è entrata in Siria varcando il confine con la Turchia e sono entrati a far parte dell'Is. L'uomo ha quindi adottato il nome di Idris, mentre lei è diventata Sumeyra.

Secondo l'intelligence turca, Edelbijev è stato ucciso in combattimenti a dicembre. A quel punto, Ramazanova è tornata illegalmente in Turchia il 26 dicembre e il 6 gennaio ha compiuto l'attentato di Istanbul costato la vita a un poliziotto.

Hurriyet ha spiegato che i servizi di sicurezza turchi stanno ancora cercando di capire come la donna si sia procurata l'esplosivo, ovvero se lo abbia portato con sé dalla Siria o se le è stato fornito da qualcuno a Istanbul.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza