cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 16:57
Temi caldi

Turchia: tre fratelli si uniscono all'Is, appello del padre a Erdogan

20 marzo 2015 | 17.33
LETTURA: 2 minuti

Un professore universitario ha chiesto aiuto al governo dopo aver scoperto che i suoi tre figli sono partiti per la Siria. "Abbiamo insegnato loro a comportarsi da esseri umani - ha scritto - non sappiamo come siano arrivati a fare questo"

alternate text
(Foto Infophoto) - INFOPHOTO

Domina le pagine dei quotidiani turchi la storia di un professore universitario che ha chiesto l'aiuto del governo dopo che tutti e tre i suoi figli sono partiti per la Siria per combattere tra le file del sedicente Stato islamico (Is). Il quotidiano Hurriyet racconta che il primo figlio del professor M. Sefik I., studente della facoltà di odontoiatria di Ankara, ha mandato un messaggio ai suoi genitori il 10 marzo scorso, annunciando la sua partenza e invitandoli a pregare per lui.

Il ragazzo ha poi aiutato i sue due fratelli minori, due gemelli di 16 anni, a entrare clandestinamente in Siria. I servizi turchi di intelligence hanno informato la famiglia che i tre sono rimasti per alcuni giorni in Siria, prima di passare in Iraq, altro fronte su cui sono impegnati i jihadisti dell'Is.

I genitori dei ragazzi hanno rivolto un appello al presidente Recep Tayyip Erdogan, al premier Ahmet Davutoglu e al Mit perché li aiutino a farli tornare in patria. "Abbiamo insegnato loro a comportarsi da esseri umani, non sappiamo come siano arrivati a fare questo", ha detto a Hurriyet il professore, la cui identità e la cui università non sono state rivelate. Secondo Hurriyet, sono circa 2.300 i turchi che militano nei ranghi dell'Is in Siria e in Iraq.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza