cerca CERCA
Domenica 28 Novembre 2021
Aggiornato: 16:31
Temi caldi

Turismo: Campi Flegrei, da 'Malazè' nascono 'Experience' e 'Onlus'

27 giugno 2017 | 13.40
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Torna, con la sua XII edizione, dal 2 al 19 settembre, 'Malazè', l’evento 'ArcheoEnoGastronomico' dei Campi Flegrei. Nato da un'idea di Rosario Mattera per promuovere le bellezze e le molte proposte turistico-culturali di un'area del napoletano poco nota, in questo dodicesimo anniversario si presenta con oltre 70 eventi in programma e molte novità. Da questo che è diventato un vero e proprio laboratorio diffuso di innovazione territoriale, nascono infatti due 'costole': 'Malazè Experience', che raccoglie associazioni che puntano a sviluppare un turismo esperienziale, e 'Malazè Onlus', che mette a sistema quella rete di soggetti che in questi anni hanno ruotato intorno a Malazè.

"Stiamo cercando di ragionare in termini di turismo integrato e sostenibile in un territorio da 'mordi e fuggi', dove fino a pochi anni fa si è puntato solo sull'industria. 'Malazè' conta ormai 5mila presenze annuali, per il 90% costituite da non residenti e target medio-alto. Con questi due nuovi soggetti, creiamo sinergia fra tutti coloro che fanno impresa turistica", spiega Rosario Mattera.

"'Malazè Experience' - afferma Monica Carannante, presidente di 'Sinergie Campane' - sarà composta da professionalità diverse con un obiettivo comune, che è quello di valorizzare i Campi Flegrei a 360 gradi per 365 giorni all'anno. Vogliamo portare i viaggiatori a vivere l'esperienza Campi Flegrei, una terra che ha tante potenzialità ma ancora poco sfruttata".

Per quanto riguarda 'Malazè onlus', sottolinea il cofondatore Fabio Borghese, "è un soggetto diverso ma con la stessa matrice di 'Malazè': sarà un vero e proprio laboratorio di comunità, frutto delle esperienze e delle intelligenze che in questi anni hanno generato valore". "Sarà un facilitatore di processi: ogni anno sceglieremo 2-3 progetti e li promuoveremo", aggiunge.

Altra novità sarà la due giorni dedicata ai vini da suolo vulcanico - non solo quelli autoctoni dei Campi Flegrei ma anche quelli di altre zone d'Italia, tra cui l'Etna - che aprirà la decima edizione di 'Malazè'. "Stanno andando molto bene - dichiara Gerardo Vernazzaro, presidente del Consorzio di Tutela dei Vini dei Campi Flegrei, Ischia e Capri - i vini con etichetta 'Campi Flegrei'. Attraverso questa etichetta vogliamo lanciare un 'messaggio in una bottiglia': con quel vino, non si beve solo una Falanghina o un Piedirosso, ma un intero territorio".

La manifestazione si svolge tutti gli anni nelle prime settimane di settembre e si sviluppa nei comuni di Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida, Quarto, Isola di Procida e una parte della città di Napoli, per mettere in mostra il meglio dei prodotti tipici di una zona poco conosciuta ma dal grande patrimonio artistico, archeologico e ambientale, coniugando sviluppo e sostenibilità.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza