cerca CERCA
Giovedì 21 Ottobre 2021
Aggiornato: 13:10
Temi caldi

Uccide e mura nel cemento il marito

25 marzo 2018 | 18.52
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(AFP)

Condannata a tre anni per 'omicidio involontario', contro i 20 richiesti dall'accusa. E' quanto stabilito dai giurati della corte d'Assise di Tolosa, nella Haute-Garonne, in una sentenza che sta facendo discutere la Francia e che coinvolge Edith Scaravetti, la 31enne che - nell'agosto del 2014 - ha ucciso il marito e ne ha murato il corpo nel cemento.

La giuria ha quindi tenuto in considerazione un passato di violenze domestiche e il fatto che, secondo la versione della donna, non sapeva che l'arma con cui ha ucciso il compagno fosse carica.

I giurati hanno considerato la tesi di omicidio preterintenzionale nei confronti della 31enne che ora, secondo quanto riportato da 'Le Monde', potrà lasciare il carcere nel quale si trovava da novembre 2014.

Una decisione che ha provocato la protesta e la reazione in aula dei familiari della vittima. "Laurent è morto per niente" ha detto la madre dell'uomo, secondo quanto riporta la testata 'La Dépêche'. "Mio figlio era un attaccabrighe ma non il mostro violento che lei ha descritto".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza