cerca CERCA
Giovedì 08 Dicembre 2022
Aggiornato: 17:30
Temi caldi

Ucraina, 10mila russi al giorno in fuga verso Georgia dopo annuncio mobilitazione

27 settembre 2022 | 15.56
LETTURA: 2 minuti

Mosca esclude rimpatrio cittadini fuggiti. Cremlino: "Non abbiamo cifre"

alternate text
(Afp)

Migliaia di cittadini russi, fino a 10mila al giorno, stanno cercando di entrare in Georgia e oggi circa 5.500 veicoli, tra cui circa 3.600 auto, sono stati bloccati al confine a sud di Vladikavkaz. Secondo Tbilisi, il numero di russi in arrivo ogni giorno è quasi raddoppiato da quando il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato la mobilitazione di centinaia di migliaia di riservisti lo scorso 21 settembre.

"Quattro o cinque giorni fa arrivavano ogni giorno in Georgia 5.000-6.000 russi. Il numero è aumentato fino a circa 10.000 al giorno", ha dichiarato il ​​ministro dell'Interno Vakhtang Gomelauri. La Georgia e la vicina Armenia, che non richiedono visti per i russi, sono una delle principali destinazioni per i russi in fuga fin dall'inizio della guerra il 24 febbraio.

Il Cremlino non ha informazioni sul numero dei russi che avrebbero lasciato il Paese dopo l'annuncio sulla mobilitazione parziale per la guerra in Ucraina dal 21 settembre scorso. Lo ha chiarito il portavoce della presidenza russa, Dmitry Peskov, rispondendo a una domanda dei giornalisti, che gli chiedevano conto del dato fornito da Novaya Gazeta, secondo cui sarebbero partiti in 260mila. "No, non ho quella cifra. Ce l'ha la Guardia di frontiera queste cifre, dunque io non posso dire nulla su questo".

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato di non prevedere di chiedere il rimpatrio dei cittadini fuggiti nei Paesi confinanti dopo l'annuncio della mobilitazione parziale, escludendo così la loro potenziale deportazione.

Mosca ha dichiarato che, nonostante la "mobilitazione parziale" decretata la scorsa settimana dal presidente Putin, non sarà promosso un ritorno "forzato" di uomini che non si trovano in territorio russo. Pertanto, secondo quanto scrive l'agenzia Interfax, il governo russo non lancerà alcun appello ai Paesi vicini come il Kazakistan e la Georgia.

Il presidente kazako ha assicurato che il suo Paese proteggerà i russi che entreranno in Kazakistan per sfuggire alla mobilitazione militare. "In questi giorni molte persone stanno arrivando nel nostro territorio dalla Russia. La maggior parte di esse è costretta ad andarsene a causa di una situazione disperata", ha detto Kassym-Jomart Tokayev, secondo le agenzie di stampa russe. "Dobbiamo prenderci cura di loro, garantire la loro sicurezza", ha aggiunto il presidente del Paese maggior alleato di Mosca in Asia centrale, ma che ha preso le distanze dal Cremlino riguardo all'offensiva russa in Ucraina e ancora oggi ha ribadito la propria "neutralità" in materia di politica estera.

Secondo l'agenzia Interfax, che cita il dipartimento per l'immigrazione del ministero dell'Interno kazako, dal 21 settembre circa 98.000 cittadini russi sono entrati in Kazakistan e più di 8.000 hanno ricevuto un numero di identificazione personale, che è un prerequisito per la registrazione e l'apertura di conti bancari nell'ex repubblica sovietica. Dall'inizio di aprile, più di 93.000 cittadini russi hanno ricevuto numeri di identificazione e più di 4.000 hanno ricevuto permessi di soggiorno per il Kazakistan.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza