cerca CERCA
Martedì 16 Agosto 2022
Aggiornato: 12:08
Temi caldi

Ucraina, Berlusconi preoccupato da ricaduta sanzioni: "Così consegniamo Russia a Cina"

08 marzo 2022 | 19.26
LETTURA: 2 minuti

L'ex premier lancia allarme: tante aziende disinvestono e tanti posti lavoro in fumo

alternate text
(Fotogramma)

Sono alcuni giorni che Silvio Berlusconi non parla del conflitto in Ucraina. Al suo posto fa sentire la voce di Forza Italia Antonio Tajani, che ieri ha sottolineato la necessità di intervenire sul prezzo del grano, ponendo il problema dell'autonomia alimentare dell'Europa. Oggi il numero due di Fi ha fatto sapere via Twitter di aver riunito dirigenti e militanti di partito residenti nella Circoscrizione Europa a cui ha partecipato anche il Cav. Ma nulla è trapelato su cosa pensi l'ex premier riguardo gli ultimi sviluppi dell'aggressione militare russa. Il suo silenzio vale più di ogni parola, dice a mezza bocca un big forzista, che ha avuto modo di sentirlo di recente.

Leggi anche

Mai come stavolta, raccontano fonti azzurre, Berlusconi si sente coinvolto da quanto sta accadendo nel cuore dell'Europa e sarebbe molto preoccupato dalla ricaduta delle sanzioni contro la Russia. Secondo il leader forzista, apprende l'Adnkronos, quelle attuali non sarebbero lo strumento più adatto in questo momento per convincere Vladimir Putin al cessate il fuoco. Per il numero uno di Fi infatti, servirebbero sanzioni i graduali e commisurate mantenendo aperto il dialogo. Così rischiamo di consegnare alla Cina la Russia, che invece poteva essere una nostra alleata e amica, avrebbe commentato Berlusconi, che ha sempre messo in guardia l'Europa dal 'pericolo Cina' per gli equilibri geopolitici e non solo.

Il Cav, riferiscono, legge compulsivamente le notizie di agenzia che arrivano dal teatro bellico. Sia in pubblico che in privato, non avrebbe espresso alcun giudizio personale su Putin. In particolare, il presidente forzista avrebbe fatto notare che proprio a causa delle sanzioni (così come sono state predisposte) tante aziende non solo italiane stanno disinvestendo in Russia e questo comporta un ingente danno per l'economia con tanti posti di lavoro che vanno in fumo.

Sono molto preoccupato per la situazione internazionale e per le sue ricadute in termini di sofferenze e di vite umane spezzate, ma anche sul fronte economico avrebbe detto Berlusconi, poi, intervenendo alla riunione su Zoom dei dirigenti di Forza Italia Europa e agli eletti nei Comites.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza