cerca CERCA
Mercoledì 08 Febbraio 2023
Aggiornato: 08:07
Temi caldi

**Ucraina: Crosetto, 'c'è chi ha invaso, sconcerta che in Parlamento non tutti lo vedano'**

08 aprile 2022 | 16.47
LETTURA: 1 minuti

"Ho sempre sostenuto la necessità del perseguimento della via diplomatica, ma, pur pensando ciò, non capisco come da alcune parti non si identifichi chi ha sbagliato e chi no. Come si fa, ancora, a disquisire quando c'è una nazione che ha mandato i carri armati in un'altra nazione? Qui c'è l'esercito, ci sono le truppe di uno Stato che sono in un altro Stato...". Lo dice Guido Crosetto all'Adnkronos.

"Qualunque altra discussione -prosegue- che riguardi la Crimea, il Donbass, ecc. rischia di riportarci addirittura a Lenin... E allora, restiamo al presente: c'è un esercito di un Paese che ha invaso un altro Paese. Mi sconcerta che una parte della politica italiana prescinda da questo dato di base. E anche il dibattito sull'invio delle armi è qualcosa che viene dopo questo fatto incontestabile. E' preoccupante che parte del Parlamento non se ne accorga".

Quanto alla possibilità di partecipare al dibattito, in tv oltre che sui social, da parte di chi è portatore di visioni o analisi differenti da quelle prevalenti nell'opinione pubblica, Crosetto non ha dubbi: "E' il presupposto base della democrazia quello di dare spazio a chi la pensa diversamente".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza