cerca CERCA
Sabato 13 Agosto 2022
Aggiornato: 20:55
Temi caldi

Gas Russia, Draghi: "Price cap e energia, Ue si sta muovendo"

24 giugno 2022 | 15.38
LETTURA: 4 minuti

Il premier in conferenza stampa da Bruxelles: "La dipendenza dell'Italia dal gas russo è scesa al 25%"

alternate text
(Afp)

La dipendenza dell'Italia dal gas russo è scesa al 25%. Il tema del 'price cap' verrà discusso in Ue ad ottobre. L'Italia, intanto, si prepara in vista dell'inverno che non dovrebbe rappresentare un'emergenza. Sono alcuni dei passaggi della conferenza stampa del presidente del Consiglio, Mario Draghi, oggi a Bruxelles dopo il Consiglio Ue. "Le misure messe in campo dal governo dall'inizio della guerra cominciano a dare risultati. Altri fornitori di gas cominciano a sostituire il gas russo".

Leggi anche

"I prezzi dell'energia sono aumentati già prima della guerra", evidenzia Draghi rispondendo ad una domanda. "L'energia conta per il 40% degli aumenti" dei prezzi in generale. "Se riusciamo a far qualcosa sul fronte" dell'energia "otteniamo un progresso anche in termini di contenimento dell'inflazione e dei tassi d'interesse. Avevo chiesto che si agisse subito, ci sono stati molti timori. Ho chiesto un Consiglio straordinario in luglio, mi è stato fatto osservare che non abbiamo uno studio su cui discutere. La Commissione ha promesso uno studio, un rapporto completo sul controllo dei prezzi, sul tetto del gas, sulla riforma del mercato dell'elettricità: tutto questo per settembre, da discutere nel Consiglio di ottobre", afferma il premier.

''La maggiore obiezione che si fa al tetto sul prezzo del gas è la paura che la Russia tagli ancora di più le forniture" sottolinea Draghi. "Siamo in una fase in cui le forniture in Germania sono al 50% rispetto a prima. Il prezzo è aumentato in maniera tale per cui Putin incassa più o meno le stesse cifre mentre l'offerta di gas da parte della Russia diminuisce''. "Noi siamo stati molto rapidi, nei primissimi giorni della guerra abbiamo assicurato una rete di fornitori all'Italia. Siamo relativamente ottimisti, tutto ciò potrà compensare pienamente le importazioni di gas russo entro un anno, un anno e mezzo. I risultati si vedono anche ora e sono migliori di quello che si aspettasse", dice riferendosi alla situazione specifica dell'Italia.

Si va incontro ad un'emergenza gas nei prossimi mesi? "Ci stiamo preparando in funzione dell'inverno. Le misure che vengono pensate assicurano che non vi sia emergenza durante l'inverno: secondo tutte le previsioni e gli studi che ho visto, siamo in una buona posizione dal punto di vista dei volumi". "Non mi sento deluso" dopo il vertice. "Anzi non mi aspettavo di poter fissare una data precisa per la discussione di un rapporto completo della questione. Immaginavo che saremmo finiti con un rinvio, le cose si stanno muovendo. E' tutt'altro che delusione ciò che provo ora".

EUROPA - "L’Ue sta crescendo, sta diventando sempre più importante" dice Draghi. "Sta diventando quell'istituzione a cui guardano tutti i Paesi d'Europa come a un'istituzione capace di dar loro stabilità, prosperità e sicurezza".

"E' un passo straordinario nella storia dell'Unione, è una dimensione che ha acquisito più importanza a causa della guerra in Ucraina" sottolinea. "Paesi che prima non pensavano di entrare nell'Unione oggi vogliono avere rapidamente lo status di candidati. L'Ue ha cominciato a rispondere a questa richiesta, è un salto identitario dell'Unione: è un passaggio storico, in cui l'Ue sta acquisendo un'identità diversa. Il processo per l'ammissione all'Unione rimarrà esigente ma sarà molto meno burocratico". "L'Ue proietta una propria immagine meno arcigna, meno burocratica e meno fiscale rispetto al passato. E' molto più aperta e cooperativa. E' cambiata la disponibilità dei paesi dell'Ue stessa ad aiutare” i paesi che aspirano ad entrare nell'Unione “a compiere le riforme” necessarie per soddisfare i requisiti.

UCRAINA, GEORGIA E MOLDAVIA - "Questi Paesi hanno deciso che la loro ancora di sicurezza non sta altrove, sta in Europa" ha detto il premier a proposito della candidatura di Ucraina e Moldavia all'ingresso in Ue, mentre alla Georgia viene riconosciuta una "prospettiva europea". "Non è solo un'ancora di sicurezza, è anche un'ancora di prosperità: per questo oggi parliamo di passaggio storico" conclude. Concedendo una prospettiva europea a Ucraina, Moldavia e Georgia, e lo status di candidato alle prime due, l'Ue compie "un salto identitario".

Paesi che prima "non avevano pensato di chiedere di entrare nell'Unione - prosegue Draghi - oggi vogliono, rapidamente, avere lo status di candidati. L'Unione Europea ha cominciato a rispondere a questa richiesta. Naturalmente è un processo complesso", ma "è un passaggio storico in cui l'Unione sta acquisendo un'identità diversa, molto più importante".

Anche per quanto riguarda i Balcani Occidentali, "si è deciso che questo processo così esigente, burocratico per poter essere ammessi all'Unione, diventerà rimarrà esigente perché è importante che le riforme che si chiedono ai Paesi vengano attuate. Ma sarà molto, molto meno burocratico". L'Ue dunque "proietta un'immagine meno arcigna, meno burocratica di quanto avesse fatto in passato, meno fiscale. E molto più aperta e cooperativa", conclude il presidente del Consiglio.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza