cerca CERCA
Lunedì 28 Novembre 2022
Aggiornato: 01:02
Temi caldi

Ucraina, Draghi: "Sbloccare porti, rischio catastrofe alimentare"

09 giugno 2022 | 10.53
LETTURA: 2 minuti

Il presidente del Consiglio alla Ministeriale Ocse: "Gli sforzi di mediazione dell'Onu sono un passo significativo, purtroppo gli unici"

alternate text
(Foto Afp)

"I nostri sforzi per prevenire una crisi alimentare devono partire dai porti dell'Ucraina nel Mar Nero. Dobbiamo sbloccare i milioni di tonnellate di cereali bloccati lì a causa del conflitto". Lo ha affermato il presidente del Consiglio Mario Draghi, parlando alla Ministeriale Ocse a Parigi. "Gli sforzi di mediazione delle Nazioni Unite - ha sottolineato - sono un passo significativo, purtroppo gli unici. Dobbiamo offrire al presidente Volodymyr Zelensky le assicurazioni necessarie, che i porti non verranno attaccati. E dobbiamo continuare a sostenere i Paesi importatori, come sta facendo l’Ue".

Leggi anche

Il premier ha ricordato che l'Ue ha approvato "sei pacchetti di sanzioni", che hanno dato un "colpo" significativo alla Russia, ma "affinché i nostri sforzi siano efficaci, devono essere sostenibili nel tempo e portare a bordo le economie emergenti e in via di sviluppo. Dobbiamo mettere la stessa determinazione che abbiamo messo nell’aiutare l’Ucraina nell’aiutare i nostri cittadini e quelli delle parti più povere del mondo".

INFLAZIONE - L’inflazione in aumento nell’Ue non è frutto del "surriscaldamento dell’economia", bensì di una serie di "choc" sull’offerta, sottolinea poi il presidente del Consiglio. Se dall’inflazione in Europa "escludiamo energia e cibo - sottolinea - l’aumento dei prezzi è la metà. Un balzo significativo, ma molto meno che negli Usa. In alcuni Paesi la core inflation è anche più bassa. In Italia è stata del 2,9% in maggio. La disoccupazione è appena sotto il 7% nell’area euro, mentre i consumi sono tutti sotto i livelli pre pandemia. Sono tutti segni che c’è ancora capacità non utilizzata nell’economia". "Quindi, almeno nell’Ue, l’inflazione in crescita non è un segno di surriscaldamento, ma il risultato di una serie di choc all’offerta. I salari devono recuperare il loro potere di acquisto, ma senza creare una spirale prezzi- salari, che provocherebbe tassi di interesse ancora più alti", conclude.

CLIMA - L’"emergenza" determinata dalla guerra in Ucraina "non deve essere una scusa per tradire i nostri obiettivi climatici, ma un motivo per raddoppiare i nostri sforzi", dice Draghi. "La Covid-19 - continua - ha rivelato le fragilità dei sistemi sanitari. Vogliamo sostenere gli investimenti, per aumentare la preparazione alle pandemie. Accelerare la transizione energetica è essenziale. Dobbiamo ridurre la nostra dipendenza dalla Russia. Dobbiamo facilitare l’espansione delle energie rinnovabili, in Paesi a basso e alto reddito. Dobbiamo promuovere la ricerca e sviluppo in nuove tecnologie energetiche pulite. Questo significa rafforzare l’architettura per l’idrogeno verde, aumentare l’efficienza, sviluppare reti intelligenti", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza