cerca CERCA
Giovedì 23 Giugno 2022
Aggiornato: 14:51
Temi caldi

Ucraina, governatore Donetsk: "Avanzata russa da nord e da sud, vita continua ma gente in fuga"

15 aprile 2022 | 11.37
LETTURA: 4 minuti

Pavlo Kyrylenko: "Sappiamo di ricollocazioni di 30-50 battaglioni tattici russi, che corrispondono a 50mila unità, l'attacco sarà feroce. Venti miliardi per ricostruire la Regione"

alternate text

La situazione sembra "sotto controllo", anche se "è forte la tensione" nel Donetsk, la regione ucraina a cui appartengono Mariupol assediata e Kramatorsk dove ieri, dopo la strage alla stazione ferroviaria, "sono stati colpiti uno stabilimento industriale ed altre infrastrutture, ma per fortuna non ci sono state vittime". Ne parla con l'Adnkronos il Governatore del Donetsk, Pavlo Kyrylenko, che spiega: "L'esercito di Putin è in avanzata da nord verso il Donetsk, in particolare dal confine con l'oblast di Kharkiv e da sud verso Avdiivka, Makiivka, Kransnohorivka, città confinanti con la Donetsk occupata. Sono quindi continui gli attacchi tattici in quest'area. Ieri ad esempio ce n'è stato uno al confine con Rutzky, sono stati distrutti 3 veicoli corazzati russi, un altro veicolo militare e due carri armati".

Nonostante ciò si legge sui media che l'atmosfera nel Donetsk, a parte alcuni casi, appare tranquilla. Risponde a verità? "È vero. Nonostante le condizioni di guerra la vita continua, i negozi sono aperti, la pubblica amministrazione funziona, i soccorsi umanitari arrivano attraverso corridoi...La gente capisce che è la nostra terra che dobbiamo difendere", risponde il Governatore. "Sappiamo infatti che ci sono state ricollocazioni di militari russi anche nella nostra regione. Si parla di cifre di 30-50 battaglioni tattici, che corrispondono a 50mila unità russe effettive. Ma dobbiamo aspettare l'offensiva per capire esattamente quanti sono. Forse - aggiunge - può suonare pesante come affermazione ma nelle condizioni in cui ci troviamo direi che il numero di persone che loro arruoleranno, le conteremo quando saranno morte".

Sono arrivati rinforzi di armi e militari per l'esercito ucraino? "Le abbiamo ricevute, ma va considerato il fatto che la Russia sta concentrando tutte le sue forze per entrare nella regione di Donetsk, per distruggerla e conquistare il confine amministrativo della Regione. Noi siamo in attesa del combattimento più feroce e abbiamo bisogno di un ulteriore sostegno per quanto riguarda la forza aerea, le armi antimissile e anticarro", risponde Kyrylenko. Lo scenario è drammatico tanto che "i civili cercano di lasciare la regione il prima possibile, alla luce di ciò che hanno visto accadere a Mariupol. Ed anche l'amministrazione regionale li sta incoraggiando in questa direzione. Dal 24 febbraio dal Donetsk sono state evacuate 240mila persone e l'evacuazione continua. Stiamo cercando di sfruttare tutte le possibili modalità: pulmann, treni...Nel nostro territorio vivevano 1.648.000 abitanti, adesso sono rimasti in 400mila".

Ci sono però anche gli irriducibili, che non vogliono abbandonare la loro terra? "Sì, è vero - conferma il Governatore - Ci sono persone che non vogliono andar via come a Kramatorsk dove ancora vivono in 40mila, prima gli abitanti erano 200mila - ricorda - E' necessario lavorare per convincerli. Ciò che abbiamo riscontrato dal 24 febbraio è che la gente non crede che l'escalation possa colpirli. Non vuole lasciare la propria casa. Solo quando arrivano i colpi dell'artiglieria pesante, dei lancia razzi, delle bombe, allora cambiano opinione. E cercano di fuggire, ma ormai in condizioni critiche".

State fronteggiando deportazioni o altri abusi sulla popolazione? "Ogni crimine perpetrato dall'esercito russo: saccheggi, omicidi di massa. E nelle zone occupate assistiamo a continue deportazioni - replica Kyrylenko - A Mariupol, prima c'erano quasi 500mila persone. Dai dati in mio possesso pare che 35mila di loro siano state deportate, o nel territorio controllato dai russi o direttamente in Russia". Parlando di Mariupol, il controllo della città in mano a chi è ed in quali punti? "La città è sotto il controllo delle forze armate ucraine ma i russi sono all'interno della città. Combattono con artiglieria pesante, carri armati e aviazione. ".

E’ vera la resa di un migliaio di marinai ucraini come afferma Mosca? Il battaglione di Azov riesce ancora a tenere testa ai russi? "Queste cifre non sono state confermate - risponde - La Russia ha dato anche numeri più grandi. Ma noi siamo abituati alle fake news. Sappiamo che la 36esima brigata marina ucraina si è unita al battaglione Azov e continuano a combattere anche se in condizioni critiche". Dove si trovano? "Non posso rivelarlo, ma sono in tutta la città e difendono anche tutti i punti critici". Arriveranno rinforzi? "Mariupol è una zona critica. Per ordine del Ministero della Difesa non si possono commentare gli aiuti ai nostri militari qualora si presentassero".

"Mariupol comunque non esiste più - chiosa il Governatore - Era una città moderna. Andrà ricostruita da capo. Il 90% delle infrastrutture è stato raso al suolo. Guardi al sistema acquifero: è distrutto. Ci vorranno anni per ripristinarlo. Come tutta la città. Mi duole moltissimo, lavoro da 3 anni per l'amministrazione e ci eravamo sforzati di rendere questa cittadina un centro accogliente e moderno. Per ricostruirla serviranno almeno 10mld di dollari. Ed altrettanto per ricostruire il resto della Regione. Ma sono stime al ribasso: in estrema sintesi posso dire che non c'è un solo centro abitato nel Donetsk che non sia stato colpito dal fuoco del nemico", conclude.

(di Roberta Lanzara)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza